Con l’espressione morso della cicogna si fa riferimento a delle macchie color rosso vino, presenti nei neonati.

Esse sono solitamente localizzate vicino la nuca o in alcune parti del viso (ad esempio tra le sopracciglia, vicino al collo, alle palpebre o alle orecchie). Si chiamano comunemente anche “bacio degli angeli” ma il loro vero nome scientifico è angioma.

Quali sono le cause che portano alla formazione del morso della cicogna?

Morso della cicogna cause

Le cause che danno vita al morso della cicogna non sono ancora ben chiare: infatti, diversi studiosi stanno tuttora cercando di approfondire la questione.

Tuttavia, possiamo affermare che gli angiomi siano delle macchie che interessano i vasi sanguigni (bilari, arteriosi o linfatici) e nella maggior parte dei casi non recano alcun fastidio, tranne a livello estetico.

Raramente, l’angioma colpisce anche gli adulti e tra le possibili cause correlate troviamo:

  • La gravidanza
  • Alcuni traumi
  • La cirrosi epatica

Tipologie di angioma

Esistono diversi tipi di angiomi (o morsi della cicogna nel caso dei bambini), a seconda della loro entità. Si possono classificare in:

  • Angiomi piani, ossia dalla forma piatta e del tutto superficiali
  • Angiomi tuberosi, solitamente congeniti e costituiti da piccoli e morbidi noduli in rilievo.
  • Angiomi cavernosi, delle formazioni sottocutanee che esternamente appaiono dal colore tendente al bluastro.
  • Angiomi rubino (detto anche cherry angioma)
  • Angiomi stellati
  • Angiomi serpiginosi di Hutchinson

Andando nello specifico e prendendo in considerazione la fascia infantile, i morsi di cicogna possono essere superficiali, profondi o misti. Scopriamoli nel dettaglio!

Morso della cicogna superficiale

Il morso della cicogna superficiale è la forma più comune in assoluto.

Nel gergo comune, si definiscono anche “voglie di fragola”, vista la loro forma e il colore rosso vivo. Di solito, i neonati presentano queste macchie nella zona del cranio, del viso o del collo.

Alcuni, regrediscono nel corso del tempo, altri invece tendono ad ingrandire (ma è davvero raro).

Morso della cicogna profondo

A differenza di quello superficiale, il morso della cicogna profondo appare dalle tonalità più bluastre o rosso cupo. Inoltre, è meno frequente del precedente ma più complessi, poiché rappresentati da una serie di tumefazioni sottocutanee.

Morso della cicogna misto

Esistono dei casi in cui i neonati presentino entrambe le tipologie di morso della cicogna: sia superficiale che misto. Di conseguenza, sarà possibile notare delle voglie collegate a dei segni più sottocutanei.

Sintomi

Come vi abbiamo accennato in precedenza, il morso della cicogna non presenta sintomi particolari ma è soltanto un difetto estetico.

Allo stesso tempo però, non bisogna sottovalutarlo: la zona affetta dalla macchia è decisamente più delicata. Per tale motivo, sarà necessario trattarla con cura ed evitare qualsiasi tipo di sfregamento, specialmente nel caso in cui dovesse essere situata vicino la palpebra dell’occhio.

Se le accortezze non dovessero essere rispettate, è possibile che si verifichino dei sanguinamenti o che si vada incontro a delle irritazioni, che richiederanno a loro volta un controllo di tipo medico o addirittura chirurgico.

Morso della cicogna cure

Possiamo dunque affermare che gran parte degli angiomi non richiedono alcun tipo di cure.

Tuttavia, nell’eventualità in cui il morso della cicogna dovesse essere particolarmente grande o creare alcuni problemi ad altre zone del corpo (basti pensare agli occhi, ai genitali o alla bocca), si consiglia vivamente un intervento chirurgico.

In alternativa, questa malformazione benigna, può essere trattata attraverso:

  • Criptoterapia dermatologica
  • Laser-terapia
  • Radioterapia
  • Embolizzazione
  • Raschiamento
  • Criochirurgia

Criptoterapia dermatologica

Per poter mettere in pratica questo metodo, si fa portare l’azoto liquido ad una temperatura di quasi 200 gradi sotto lo zero e si applica sull’angioma, andando così a seccare la zona interessata e a rimuoverla.

Laser-terapia

Quando l’angioma interessa gli adulti, una delle soluzioni efficaci risulta essere la laser-terapia.

Tramite uno strumento chiamato Dye-Laser, si vanno a rimuovere tutte le chiazze cutanee rosse. Il paziente, non avverte alcun dolore, al massimo un leggero fastidio.

E’ bene specificare però, che la laser terapia non è una procedura immediata, in quanto richiede diverse sedute che andranno ad effettuare una depigmentazione graduale.

Radioterapia

Nel caso in cui la chirurgia non dovesse essere riuscita a ripristinare i tessuti epidermici, si può passare alla radioterapia.

Quest’ultima, utilizza delle placchette di isotopi radioattivi e si utilizza molto nei casi di angioma presenti nelle zone ossee o comunque limitrofe agli organi, compromettendone la loro corretta funzione.

Embolizzazione

L’embolizzazione (detta anche sclerotizzazione), si occupa principalmente degli angiomi che vanno ad ostruire il flusso sanguigno nei pressi degli arti.

Attraverso un embolo, si va a ridurre l’emissione del sangue in maniera temporanea, per poi rimuovere la macchia in maniera definitiva.

Raschiamento

La tecnica del raschiamento, a differenza delle precedenti, è perfetta per tutti gli angiomi superficiali e risulta essere un metodo poco invasivo (cosa che avviene invece con la chirurgia).

Per metterlo in pratica, si attua un’escissione data dal curette, ossia uno strumento adatto alla rimozione.

Criochirurgia

Alcuni di voi conoscono già la criochirurgia, in quanto si utilizza non solo per il trattamento di angiomi ma anche per le cicatrici, le verruche, l’acne e tantissimi altri disturbi della cute.

Esattamente come la criptoterapia, questa tipologia di cura si basa sull’impiego di componenti ghiacciate, che andranno a seccare tutta l’area interessata.

Morso di cicogna raccomandazioni

Come prima cosa, è fondamentale tenere a mente che non esiste alcun metodo naturale (almeno al momento) in grado di rimuovere il morso della cicogna.

Nella maggior parte dei bambini accade che scompaiono da soli nel corso del tempo. Ma quando ciò non accade, o si decide di lasciare la situazione invariata o si procede con uno dei trattamenti sopracitati. 

Tuttavia, la chirurgia estetica ed altre metodologie sono decisamente invasive: proprio per tale motivo, è preferibile lasciarle come ultima spiaggia, solo nel caso in cui l’angioma dovesse creare grossi problemi funzionali.

Se vostro figlio è “affetto” dal morso di cicogna, non c’è alcun motivo di allarmarsi, poiché come vi abbiamo già accennato in precedenza, si tratta di un’anomalia benigna. Onde evitare che la situazione possa degenerare, si raccomanda di trattare con cura quella zona, senza sfregarla.

Infine (e questo vale anche per gli angiomi negli adulti), se doveste riscontrare forte prurito consultate un medico esperto nel settore, il quale saprà fornirvi tutte le informazioni necessarie.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.