CONDIVIDI

Il momento magico di Miriam Dalmazio

 

Miriam Dalmazio è una giovane attrice italiana dall’indiscutibile talento. La fiction Che Dio ci aiuti le ha consentito di farsi conoscere dal pubblico italiano, ma è con Sole a catinelle che sta raggiungendo un alto livello di popolarità, grazie all’immenso successo del film targato Checco Zalone. La carriera di Miriam sembra ormai procedere spedita: il prossimo anno la vedremo in tre film e nella terza stagione di Che Dio ci aiuti.

Miriam e la recitazione

Miriam, classe 1987, ha più volte dichiarato che la sua carriera è iniziata per puro caso. Ha sempre amato la recitazione ma nei suoi progetti futuri non c’era quello di diventare un’attrice, almeno fino al giorno in cui decise di accompagnare una sua amica a fare un provino “Ricordo che accompagnai casualmente una mia amica ad un provino per il film ‘Agrodolce’ e lì sono stata notata. Mi hanno chiesto di fare dei provini e alla fine mi hanno presa.” Da quel momento ha preso la recitazione molto seriamente: ha lasciato la sua Sicilia e si è trasferita a Roma per studiare al Centro Sperimentale “Lì ho pensato che potevo davvero fare l’attrice.”

Miriam Dalmazio film

Prima di vestire i panni di Margherita nell’amatissima fiction Che Dio ci aiuti, Miriam ha recitato nella soap opera Agrodolce, ne Il paese delle meraviglie, in Come un delfino (con Raoul Bova) e in Sposami. In questo periodo è al cinema con il terzo film di Checco Zalone “Sole a catinelle”, distribuito in 1200 sale e campione di incassi. Nella pellicola cinematografica del comico pugliese interpreta Daniela, la moglie di Checco: una madre premurosa ma anche un’operaia vittima della crisi e pronta a tutto per far valere i suoi diritti.

Miriam+Dalmazio+

Miriam in Sole a catinelle

Il film sta ottenendo un risultato più che positivo “Si prevedeva un grande successo ma non di questa portata – ha dichiarato Miriam nel corso di un’intervista a Oggi al cinema – Ma io in realtà ero l’unica che se l’aspettava”. Il segreto di tale successo, secondo l’attrice, si cela dietro la semplicità e la genuinità di Zalone e il regista Gennaro Nunziante, caratteristiche che rendono il film una commedia diversa dalle altre “Non è una commedia finalizzata solo alla risata, ma è anche un film che presenta aspetti e spunti molto interessanti. Poi credo che un elemento davvero potente sia costituito dalle musiche e dalla canzoni.” Per Zalone ha solo parole d’affetto “Lui parla molto con gli attori ed è uno straordinario padrone di casa. Non ti fa mai sentire a disagio ed è una persona molto umile. È così come lo si vede.” Miriam considera questa esperienza come un’importante fonte di arricchimento personale e professionale “Penso che darà una svolta importante alla mia carriera perché mi sta dando davvero tanta visibilità.” Nel film ha interpretato Daniela, un personaggio totalmente diverso da lei “Daniela è una madre trentenne, così ho cercato un escamotage, lasciando al personaggio la freschezza di una ventiseienne come me. Il risultato, rivendendomi sullo schermo, è credibile.”

Miriam e i progetti futuri

L’anno prossimo la vedremo in: “Maldamore” di Angelo Longoni, accanto a Luca Zingaretti e Maria Grazia Cucinotta; in “Una donna per amico” di Giovanni Veronesi, con Laetitia Casta e Fabio de Luigi; nella terza serie di Che Dio ci aiuti; e come protagonista italiana di un film internazionale. Miriam ha però un sogno “Vorrei lavorare con qualche giovane regista emergente, magari in un film con una sceneggiatura particolare. Con qualcuno che abbia il coraggio di azzardare, di realizzare qualcosa di originale. Nel cinema, come nella vita, bisogna avere il coraggio di cambiare. Anche quando si vince.”

miriam-dalmazio-e-checco-zalone

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.