Miriam Dalmazio è una giovane e promettente attrice italiana, in questi giorni nei cinema con Sole a catinelle, il film di Checco Zalone. In molti la conoscono come la dottoressa Margherita Morbidelli della fiction Che Dio ci aiuti.

Miriam è nata a Palermo nel 1987. Ha avuto da sempre una grande passione per la recitazione, vissuta però in maniera intima e senza nessuna certezza di voler davvero intraprendere la carriera d’attrice. Dopo aver ottenuto casualmente una parte nel film Agrodolce, si è buttata a capofitto negli studi: tre anni al Centro sperimentale di Cinematografia di Roma. Il primo ruolo di rilievo è arrivato con la prima e la seconda serie di Che Dio ci aiuti, dove ha vestito i panni della dottoressa Margherita Morbidelli, una giovane ragazza di provincia, timida e impacciata, trasferitasi nel convitto di Suor Angela (Elena Sofia Ricci) per motivi di studio. Ha recitato anche in Il paese della piccole piogge, Come un delfino (con Raoul Bova) e Sposami. Ora è al cinema con Sole a catinelle.

Attrice per caso

Così si è definita lei. Miriam ha raccontato in varie interviste come ha avuto inizio il suo cammino professionale “Sono venuta fuori un po’ per caso, in quanto è vero che nutrivo questa passione molto intimamente, ma non ho mai pensato di fare l’attrice. Ricordo che accompagnai casualmente una mia amica ad un provino per il film ‘Agrodolce’ e lì sono stata notata. Mi hanno chiesto di fare dei provini e alla fine mi hanno presa.” Successivamente ha deciso di trasferirsi dalla Sicilia a Roma per studiare al Centro Sperimentale: una scelta molto coraggiosa non solo perché è andata a vivere a 600 km da casa, ma anche perché allora aveva già un contratto, rifiutato per dedicarsi agli studi. “Tutti la descrivevano come la superscuola. Lì ho pensato che potevo davvero fare l’attrice.”  

miriam-dalmazio (1)

Che Dio ci aiuti

Il ruolo ricoperto nella fiction di Rai1 le ha permesso di essere conosciuta e apprezzata dal pubblico italiano. Margherita Morbidelli, il suo personaggio in Che Dio ci aiuti, ha riscosso infatti un grande successo “Margherita è una caramellina, una ragazza dolcissima, buona e pura”. Miriam ha inoltre rivelato il suo desiderio per un’eventuale terza serie della fiction: esplorare la maternità con il suo personaggio, vedere Margherita alle prese con un bambino, anche in un rapporto simile a quello tra Azzurra (Francesca Chillemi) e il piccolo Davide.

Miriam e Margherita – somiglianze e differenze

Stando alle sue dichiarazioni, Miriam e Margherita si somigliano parecchio, nonostante le differenze: la dottoressa Morbidelli è una persona solare, sempre felice e sorridente, una che esterna i sui sentimenti; Miriam Dalmazio è invece più introversa, con “un lato dark”, malinconica e cupa, che non tende a mostrare facilmente ciò che prova. Per questo motivo “la cosa più difficile è stata fare delle cose buffe che nella vita non farei mai, tipo saltare come una pazza o ballare in maniera scoordinata.”

Il giornalismo

Miriam ha confessato di avere una grande passione anche per la lettura e la scrittura, ma il corso di giornalismo che aveva intrapreso prima di dedicarsi alla recitazione era stata una scelta dettata quasi dalla disperazione. In cuor suo, pur amando la scrittura, sapeva che la sua strada era un’altra: fare l’attrice. Nel suo cassetto rimane comunque un sogno: trasformare il suo diario in un romanzo “Ma quando sarò più matura e avrò accumulato abbastanza esperienza e avrò qualcosa da dire.”

Miriam Dalmazio I Medici

Molti di voi conoscono Miriam Dalmazio per la sua partecipazione a “I Medici“.

La serie televisiva, si ispira proprio alla storia della nota famiglia fiorentina che ha fatto parlare di sé nel XV secolo. Andata in onda dal 2016 al 2019 su rai 1, ha visto Miriam Dalmazio entrare a far parte del cast nella seconda edizione.

Lei, ha dichiarato sul giornale “Grazia“, di sentirsi molto onorata ad essere entrata a far parte di questa serie televisiva, poiché è riuscita ad immaginarsi in un’epoca passata.

Infatti, ha ammesso di adorare gli abiti di scena e che forse doveva nascere nell’epoca rinascimentale. Ecco alcune sue parole in merito, tratte dall’intervista per il settimanale:

«Adoro quegli abiti di scena, anche se il corpetto stretto è scomodo. Forse dovevo nascere nel Rinascimento, mi sentivo proprio a mio agio con quegli abiti addosso. Anche se per camminare alzavo un po’ la gonna, cosa che sarebbe risultata maleducata all’epoca”.

Miriam Dalmazio la vita promessa


Un’altra serie televisiva Rai molto gettonata dell’ultimo periodo è certamente “La vita promessa”.

Anche qui, Miriam Dalmazio è entrata a far parte del cast, interpretando il personaggio di Rosa Canuto.

Le prime puntate de “La vita promessa” sono andate in onda il 16 settembre del 2018 e presto ci sarà una nuova serie, ricca di colpi di scena da non perdere.

Miriam Dalmazio che dio ci aiuti

Nel curriculum lavorativo di Miriam Dalmazio, troviamo anche la sua partecipazione (e forse quella che l’ha resa maggiormente nota al pubblico) alla serie “Che Dio ci aiuti”, che vede come protagonista la simpaticissima Elena Sofia Ricci.

In diverse interviste, Miriam ha dichiarato di essersi molto divertita nel ruolo di Margherita Morbidelli e di aver lavorato con molta serietà ma allo stesso tempo leggerezza e armonia, con gli altri componenti dello staff.

Miriam Dalmazio età

Miriam Dalmazio ha 32 anni ed è nata il 14 settembre del 1987 a Palermo.

E’ alta 1,68 m ed è una siciliana doc.

Miriam Dalmazio foto

Per curiosare gran parte degli scatti di Miriam Dalmazio, vi basta cercare su google o cercare sui profili social.

Infatti, l’attrice è molto seguita su Instagram (ha più di 53k followers) e la potete trovare con il nickname “miriamdalmazio”. Sul suo profilo, pubblica diverse foto e stories, legate principalmente alla sua vita lavorativa e quotidiana.

Miriam Dalmazio film

Miriam Dalmazio non è nota al pubblico italiano soltanto per la sua partecipazione alle serie televisive che vi abbiamo citato in precedenza.

Pertanto, ecco una lista dettagliata della sua filmografia:

  • Sole a catinelle, regia di Gennaro Nunziante (nel 2013)
  • Che strano chiamarsi Federico, regia di Ettore Scola (nel 2013)
  • Maldamore, regia di Angelo Longoni (nel 2014)
  • Una donna per amica, regia di Giovanni Veronesi (nel 2014)
  • Maraviglioso Boccaccio, regia di Paolo e Vittorio Taviani (nel 2015)

Per quanto riguarda invece la televisione:

  • Capri – fiction (nel 2006)
  • Agrodolce – soap opera (dal 2008 al 2009)
  • Distretto di Polizia 10 – serie TV, 1 episodio (nel 2010)
  • Come un delfino – serie TV (nel 2011)
  • Che Dio ci aiuti – serie TV (dal 2011 al 2017)
  • Il paese delle piccole piogge, regia di Sergio Martino – film TV (nel 2012)
  • Sposami, regia di Umberto Marino – miniserie TV, 6 puntate (nel 2012)
  • Il commissario Montalbano – serie TV, episodio 10×01 (nel 2016)

E poi:

  • Squadra mobile – serie TV (nel 2017)
  • Il cacciatore – serie TV, 20 episodi (dal 2018 al 2020)
  • La vita promessa, regia di Ricky Tognazzi – serie TV (dal 2018 al 2020)
  • I Medici – Lorenzo il Magnifico (Medici: The Magnificent) – serie TV (nel 2018)
  • La stagione della caccia – C’era una volta Vigata, regia di Roan Johnson – Film TV (nel 2019)

miriamdalmazio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.