Mike Bongiorno è nato a New York nel 1924, dove passa gran parte della sua infanzia; successivamente a causa della separazione dei genitori si trasferisce a Torino.

Qui vive con la madre e termina i suoi studi, crescendo con la passione per il calcio e la Juventus.

Oltre al calcio la sua grande passione è il mondo del giornalismo, al quale riesce ad affacciarsi collaborando con diversi giornali di provincia.

Nel corso della sua carriera è diventato molto famoso a causa delle sue gaffe televisive, che l’hanno fatto diventare un vero personaggio.

A partire dalle prime papere televisive durante le dirette, alcune per la verità casuali, Mike ha poi avuto l’abilità di non far capire mai fino in fondo quali gaffe fossero volute e quali no.

Questa dicotomia è stata la caratteristica principale sulla quale ha costruito una parte importante del suo personaggio.

Pazienza se i suoi critici lo definivano a volte un ignorante, dato l’amore del suo pubblico che non è mai mutato.

Le sue gaffe di Mie ancora oggi sono dei classici tormentoni; includiamo anche le sue classiche frasi ed espressioni di rito.

Come ad esempio l’espressione “Allegria!” che è diventata famosa in tutta Italia e non solo.

Mike bongiorno ha attraversato decenni di televisione italiana, compreso il passaggio dalla tv in bianco e nero a quella a colori.

Un’altra delle sue frasi famose è legata alla nota pubblicità della grappa, dove recitava “sempre più in alto”.

In quel frangente lo spot era ambientato sul Cervino coltivando una delle altre sua passioni, la scalata.


Tuttavia le sue papere sono sempre rimaste le più apprezzate dal pubblico che lo seguiva con passione.

come dimenticare la battuta sulla famosa signora Longari: “ahi ahi ahi signora Longari, mi è caduta sull’uccello”.

All’epoca i cui lavorava per la Rai, le sue gaffe erano prese con le molle, mentre in seguito al suo passaggio all’allora Fininvest le cose cambiarono.

Nella nuova tv commerciale aveva più libertà di movimento, potendo giocare sulle sue papere televisive con più ampi margini di libertà.

Mike Bongiorno gaffe sessuali

Tra le frasi più ambigue di Mike c’erano sicuramente quelle che facevano riferimento al sesso e agli argomenti che toccavano quei tasti.

In una puntata di uno dei suoi programmi si rivolse a un concorrente che indossava una vistosa cintura in questo modo:

“Cos’è quella cosa lì che ti pende in mezzo alle gambe?”

In un’altra occasione lanciava un filmato su Romina Power cosi: “Abbiamo Romina Power che ce la fa vedere”.

A La Ruota della Fortuna invece, rivolgendosi al giudice della trasmissione, a proposito di un gioco di carte disse: “Lo so che sei dietro a quel bancone a farti i solitari”.

Tra le papere che suscitavano più stupore, quelle relative alle piccole interviste fatte alle concorrenti donne, alle quali chiedeva notizia del marito.

In quelle occasioni, era capitato più volte che le rispondessero:“veramente sono vedova”.

Ci sono anche degli errori di lettura che accompagnavano le sue performace: Ma chi sarà questo signor Paoli Vi del quale non ho mai sentito parlare”; in realtà era Papa Paolo VI.

“Mentre per Papa Pio X c’era un bel “Pio ics”.

Un’altra volta definì un concorrente “un signore anziano sulla cinquantina”, oppure ancora “abbiamo qui Sharon Rampin… sei inglese?”; e la concorrente rispondeva. “No, sono veneta, Rampìn”.

Le migliori papere televisive sono ricordate dallo stesso Mike nella sua autobiografia La versione di Mike.

Un episodio in particolare legato a rischiatutto, con un concorrente che si chiamava Enzo Bottesini; era un cameraman specializzato in riprese subacquee.

Bottesini disse: “Mike, so che lei è un sub eccezionale” e Mike rispose: “No, sono un sub normale“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.