CONDIVIDI

I detersivi per lavare il bagno, sono degli ottimi prodotti per tenere i nostri sanitari sempre puliti e disinfettati. Ma non tutti i detergenti presenti in commercio sono uguali, quindi vediamo come scegliere il miglior detergente sanitario.

Quali caratteristiche deve avere un buon detergente sanitario

La qualità più importante che un buon detergente deve avere, è quella di saper rimuovere a fondo lo sporco presente nel nostro bagno, e tenere alla larga il calcare. Dunque tra le principali caratteristiche che il miglior detergente sanitario deve avere troviamo per prima cosa gli agenti chimici contenuti nelle formule dei vari prodotti.

È bene evitare tutti quei detersivi eccessivamente dannosi sia per l’aria che per l’ambiente. Infatti esalare sostanze tossiche potrebbe portare a seri problemi per la nostra salute.  In aggiunta a ciò potrebbe essere utile anche avere a disposizione un detersivo antibatterico; visto che l’ambiente domestico non essendo asettico ospiterà sempre e comunque vari tipi di batteri.

Riassumendo dunque le tre principali caratteristiche che fanno di un detergente per il bagno il migliore presente sul mercato sono:

  • Assenza di agenti chimici dannosi:
  • Funzione sgrassante
  • Funzione anticalcare

Detersivi per il bagno ecologici

Sono molti i prodotti che vantano di essere amici dell’ambiente, ma queste affermazioni a volte derivano da dichiarazioni degli stessi produttori e non dà garanzie rilasciate da enti specifici. Questo tipo di prodotti non è quindi veritiero. L’unica dichiarazione veramente affidabile è Ecolabel.  Essa è una certificazione europea che vi garantisce un basso impatto del prodotto sull’ambiente.

Attenzione però perché non è detto che se un detersivo non ha Ecolabel vuol dire per forza che non sia green. Sta di fatto che la presenza di questo logo rimane comunque una garanzia.

Un’altra dicitura che viene spesso utilizzata in ambito ecologico è: tensioattivi biodegradabili o tensioattivi di origine naturale

Se il prodotto riporta queste parole allora è una buona scelta perché riduce l’impatto ambientale del detergente ma bisogna comunque tenere da conto dell’intera formulazione del prodotto. Alcuni conservanti, infatti risultano essere tossici per gli organismi acquatici, non sono nemmeno facilmente biodegradabili e sono moderatamente bioaccumulabili.

Anche i profumi contenuti all’interno dei detergenti sono scarsamente biodegradabili, inoltre possono contenere anche frequenti allergeni come ad esempio linalool, limonene, citrale cc.

La pulizia del bagno

Ecco alcuni consigli su come utilizzare i detergenti per il bagno per ottenere dei risultati di pulizia soddisfacenti. Partiamo dai sanitari. Per la pulizia di quest’ultimi vi consigliamo di ricorrere a detergenti comuni. È anche consigliato usare dei prodotti disinfettanti, perché come già spiegato in precedenza anche se è impossibile rimuovere la presenza totale di batteri, li riduce notevolmente. Utilizzate anche un detergente che oltre alla finzione anticalcare abbia anche quella antiruggine. Applicando questo tipo di prodotti in particolar modo nelle aree caratterizzate dalla presenza di elementi metallici, che come sappiamo sono soggetti alla ruggine è possibile prevenire la sgradevole patina rossastra.  Per quanto riguarda invece la pulizia degli utensili, un normalissimo panno bagnato è più che sufficiente.

Passiamo adesso alla pulizia dei pavimenti. Per prima cosa vi consigliamo di utilizzare acqua e bicarbonato, molto utile per mantenere puliti gli interspazi fra le piastrelle. Successivamente potete passare lo straccio utilizzando il vostro abituale detersivo.

Invece per i pannelli della doccia e le piastrelle a parete, potrete provare ad utilizzare nuovamente acqua e bicarbonato.

Infine per eliminare la ruggine nelle aree di scarico, vi consigliamo un metodo casalingo a base di aceto e bicarbonato di sodio. Queste due sostanze messi insieme sono in grado di rimuovere le macchie più ostinate grazie all’azione aggressiva degli agenti chimici.

Detergenti per il bagno: uso sicuro

Al fine di utilizzare correttamente i detergenti sanitari vi ricordiamo di:

  • Chiudere la chiusura di sicurezza dello spruzzino. A volte infatti ci dimentichiamo di chiudere la chiusura on/of degli spruzzini, e dunque può accadere che accidentalmente parta uno spruzzo e bisogna stare molto attenti perché questi sono prodotti che provocano grave irritazione oculare.
  • Proteggere occhi e mani. Quando utilizzate questo tipo di detergenti, è bene sempre indossare dei guanti per proteggere le mani ed anche un paio di occhiali. Tenete anche le finestre aperte e dopo aver utilizzato il prodotto anche se avete indossato i guanti lavatevi le mani.
  • Non miscelare diversi tipi di prodotti tra loro. I detergenti per il bagno non vanno assolutamente mischiati con nessun altro tipo di detersivo soprattutto con la candeggina. Essendo acidi potrebbero generare una reazione chimica che libera gas, anche tossici.
  • Tenere lontano dalla portata dei bambini. L’ingestione dei detergenti e detersivi, è la prima causa d’avvelenamento domestico dei bambini. Per questo motivo è importante che questi prodotti siano posti in luoghi dove i bambini non possono arrivare in alcun modo.
  • Non travasare mai in altre confezioni. Questo è importante al fine di evitare che i detergenti siano scambiati per bibite dai vostri bambini.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.