CONDIVIDI

Curcuma aiuta il sistema immunitario contro malattie autoimmuni

Le erbe e le spezie sono dei validi alleati per chi si ritrova spesso a dover fare i conti con problemi di digestione. Come dimostrato da uno studio condotto dalla Pennsylvania State University, l’aggiunta di circa due cucchiai di spezie a un pasto abbondante è in grado di ridurre del circa 30% la risposta dei trigliceridi.

La funzione digestiva di questi alimenti può avvenire attraverso la stimolazione del fegato a secernere bile o mediante la sollecitazione degli enzimi responsabili della digestione. Agendo in questo modo, si ottiene un’accelerazione del processo digestivo, con tutti i risvolti positivi che ciò comporta: minore formazione di gas, diminuzione della presenza di sostanze di scarto nell’organismo e una generale sensazione di benessere.

Zenzero, Curcuma e Finocchio

Al primo posto troviamo lo zenzero, il migliore in assoluto contro i problemi digestivi, seguito dalla curcuma, molto utile contro la flatulenza, e dal finocchio, ideale contro l’acidità di stomaco e l’infiammazione intestinale.

Non solo, molte spezie hanno anche un’azione bruciagrassi e aiutano a mantenersi in forma: la ragione risiede nel fatto che l’utilizzo degli aromi evita il ricorso a condimenti molto calorici. Anche le cotture al vapore o i bolliti possono trasformarsi in piatti appetitosi aggiungendo una manciata di erbe e spezie. Tutto a vantaggio della linea e della digestione!

Ma non è finita qui: gli aromi rappresentano anche un’alternativa al sale, in particolare il cumino e i chiodi di garofano. Come già saprete, ridurre la quantità di sale utilizzato in cucina aiuta a prevenire il sorgere di una serie di disturbi, come l’ipertensione arteriosa, ritenzione idrica e cellulite. Piuttosto che ricorrere al sale, sbizzarritevi con erbe e spezie!

 Melissa cura ansia e digestione

La Melissa, nome scientifico Melissa officinalis, è una pianta erbacea dalle molteplici proprietà benefiche. Le sue foglie sono ricche di olio essenziale, che donano a questa pianta un profumo molto gradevole che ricorda il limone, ma anche di polifenoli e flavonoidi.

La Melissa ha proprietà sedative, digestive, antispasmodiche, antifermentative. Risulta essere un valido alleato contro l’ansia, in particolare quando questa si ripercuote sull’equilibrio gastrointestinale, provocando dolori e bruciori, togliendo l’appetito e chiudendo lo stomaco: la Melissa interviene rilassando i muscoli e agevolando la digestione.

Le sue qualità calmanti agiscono anche sul mal di testa, sia quando è causato dall’agitazione che da una cattiva digestione: il suo olio essenziale ha effetti benefici sul sistema nervoso e su quello muscolare.

Tale pianta è quindi in grado di porre rimedio a una generale condizione di nervosismo e irritabilità, agendo su insonnia, sindrome premestruale e tachicardia.

Ha inoltre capacità carminative, è cioè in grado di favorire l’eliminazione dei gas dall’intestino, risolvendo problemi di meteorismo e di colon irritabile.

Non solo, è indicata anche contro i dolori mestruali, nevralgie, problemi digestivi, nausea, colite, crampi addominali.

A tali scopi sono particolarmente consigliati gli infusi.

La Melissa è però utilizzata anche in cucina come aromatizzante in svariate ricette: insalate, pesce, liquori, carni, bevande. Il suo sapore, come detto in precedenza, ricorda quello del limone ma è molto più aromatico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.