Il senato è chiamato a votare su 5 aree tematiche in cui si suddivide il maxi-emendamento .
Vediamo nel dettaglio quali sono: riordino degli ammortizzatori sociali, servizi per il lavoro e politiche attive, semplificazione dei rapporti di lavoro, riordino dei contratti e tutela della maternità.

Queste sono dunque le Cinque aree che contengono innovazioni rilevanti secondo il nuovo baricentro, che sposta incentivi e comportamenti dalle politiche passive alle politiche attive del lavoro, e che lascia ancora in sospeso la questione dell’articolo 18.

Ammortizzatori

Per quanto concerne gli Ammortizzatori sociali , la riforma riguarda la questione delle tutele e l’introduzione di finanziamenti significativi.
Il maxiemendamento prevede l’autorizzazione alle integrazioni salariali le imprese che cessano l’attività o rami di essa .
La cassa integrazione non  dovrà essere considerata più un bancomat, ma extrema ratio con previsione di compartecipazione da parte delle imprese utilizzatrici e utilizzo dei contratti di solidarietà.
L’ammortizzatore unico ovvero l’Aspi (Assicurazione sociale per l’impiego), verrà universalizzato ed esteso ai contratti di collaborazione.

Servizi per il lavoro e politiche attive

Si prevede un passaggio da politiche passive (quelle basate sul puro risarcimento) a politiche attive del lavoro (basate su comportamenti virtuosi).
La separazione aveva portato fino ad oggi ad netto vantaggio di quella passive, è uno dei limiti strutturali più rilevanti della nostra capacità di combattere la disoccupazione.

Semplificazione dei rapporti di lavoro.

Questo è decisamente un capitolo molto interessante e riguarda le procedure amministrative e gli adempimenti per gestire i rapporti di lavoro.

Contratti di lavoro

Qui la novità è doppia: verifica di tutte le forme contrattuali vigenti, per valutarne l’effettiva efficacia e coerenza, e introduzione, per le nuove assunzioni, del contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti, in relazione all’anzianità di servizio

Maternità

Vi saranno nuovi provvedimenti a favore del lavoro delle donne, a vantaggio dei congedi parentali e della conciliazione dei tempi di vita e di lavoro.

E’ prevista l’estensione a tutte le donne lavoratrici della tutela della maternità, con indennità e prestazioni assistenziali uguali per tutte.

 

Di Maria Ciavotta

Direttore editoriale wdonna.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.