CONDIVIDI

massimo di cataldo moglie

La denuncia è stata fatta proprio dalla compagna del cantante e la stessa ha postato su Facebook una serie di foto in cui la immortalano gronda di sangue.

Occhi gonfi e i segni dei maltrattamenti sono la testimonianza dell’aggressione di Massimo di Cataldo, suo compagno dal quale ha anche avuto una figlia
Lei lo accusa delle botte che l’hanno ridotta nello stato mostrato dalle fotografie.

“Ho pensato a lungo se farlo o meno”, scrive la donna, aggiungendo di essersi decisa, perché crede “nella dignità e nel rispetto delle donne”.

La risposta di Massimo Di Cataldo su Facebook:

“Solo poco fa ho appreso da facebook cosa sta succedendo e sono sconvolto. Come può una donna, madre di mia figlia, arrivare a tanto, alterando la realtà, solo perchè una storia finisce? Farò di tutto per tutelarmi, prima come uomo e poi come artista.”

La giornalista Selvaggia Lucarelli scrive in merito:

Se non suonasse un infelice gioco di parole, si potrebbe dire che gli autoscatti pubblicati sulla pagina facebook di Anna Laura Millacci, visual artist, compagna da tredici anni del cantante Massimo Di Cataldo con cui ha avuto una bimba, sono un autentico, sconvolgente pugno in faccia. Foto di un volto tumefatto, il naso che cola sangue, gli occhi violacei e lo scatto più scioccante: un grumo di sangue, forse l’abbozzo di un feto, che galleggia in un bidet pieno d’acqua. Anna Laura racconta una storia di violenza domestica che andrebbe avanti da tredici anni, sfociata a quanto pare in uno sfogo più violento del solito e terminato tragicamente, come lei racconta su facebook, con un aborto.

“Queste foto che ho postato sono di venti giorni fa. Ho pensato a lungo se farlo o meno. Ma credo nella dignità e nel rispetto delle donne. Ci sono donne che ogni giorno subiscono violenze e continuano a perdonare. Io il signor di Cataldo, faccia d’angelo e aspetto da bravo ragazzo l’ho perdonato tante volte. Anche quando ero incinta mi ha picchiata e Rosalù é un miracolo sia nata. Questa volta le botte me le ha date al punto da farmi abortire il figlio che portavo in grembo. Io non ho un carattere facile e le liti possono accadere. Ma mai nessun uomo potrà mai più farmi questo a me e alla vita. E spero che questo outing e sputtanamento pubblico sia utile a tutte quelle donne che subiscono uomini che sembrano angeli e poi ci riducono così . Continuando la loro vita sorridenti e divertiti …come se nulla fosse accaduto. Di Cataldo se proprio devi continuare a fare musica,se hai un po’ di dignità non nominare mai più le donne. Perché le hai sempre e solo menate. È questo lo sa bene pure la tua ex moglie Jorgelina”.
E torna alla mente un episodio accaduto molti anni fa, in piena notte, quando Massimo De Cataldo e l’ex moglie Jorgelina si presentarono in un pronto soccorso romano. Si parlò di una lite violenta, di schiaffi e pugni, furono poche righe sui quotidiani dell’epoca e la faccenda morì lì. Lo sfogo di Anna Laura su facebook va avanti: “Non avrei mai voluto arrivare a dire pubblicamente che uomo sei, e a pubblicare queste foto così terribili. Tu che ci tieni così tanto alla tua faccina angelica…Dopo 13 anni di un grande amore ma anche grandi sofferenze ho pensato di farti un regalo. L’ultimo degli infiniti che ti ho fatto in questi anni. Il più prezioso: forse ora prenderai coscienza …visto che sembri sempre inconsapevole delle tue azioni come farebbe un bimbo di 3 anni. Forse stavolta ti sto aiutando davvero. Ti regalo la possibilità di fare un upgrade. Quello di diventare finalmente un Uomo. E non lo faccio per rabbia ma per la nostra piccola Rosalù, che ha bisogno di un padre e non di un fratellino piccolo e violento. Buona vita Massimino…”. 
Una storia terribile, quella raccontata da Anna Laura. E una denuncia, in fatto di violenze domestiche, che forse non ha alcun precedente per crudezza e efficacia delle immagini. Torna alla mente quella foto di Rihanna col volto massacrato dal compagno strafatto, ma non c’era l’aborto, non c’era quel bidet pieno di sangue, non c’era questa denuncia dolorosa e disperata. Ci fu, in compenso, il perdono della cantante. Un perdono che Anna Lauraa ci auguriamo non concederà. Per se stessa. Per sua figlia. Per noi donne tutte.”

lucarelli di cataldo

27 COMMENTI

  1. MAI GIUDICARE SE NON SI SANNO EFFETTIVAMENTE COME SONO ANDATE LE COSE….SE DOVESSE AVER FATTO QUESTO è GIUSTO CHE PAGHI MA SE SONO SOLO BUGIE è GIUSTO CHE PAGHI LEI…..SOLO LORO SANNO LA VERITà

  2. un uomo che picchia una donna è vergonioso e schifoso se io fossi al suo posto glie la farei pagare con la gallera perché se lo merita ecc sono rimasta male per averla conciata cosi nel viso e nell'anima

  3. A me sembra una semplice epistassi. Non vedo lividi tagli ed ematomi vari. Ho visto varie persone in vita mia vittime di violenze, questa sembra essere caduta dalle scale di faccia. Finchè non esce un referto medico rilasciato dal pronto soccorso, le sue saranno solo parole prive di fondamento…

  4. ti dò ragione…il volto non è per nulla tumefatto ma solo ripreso da distanza ravvicinata,sembra che le sia uscito sangue dal naso e ci si sia pasticciata,io so com'è un volto colpito da un pugno e vi giuro che non è assolutamente così,comunque è tutto da vedere

  5. se è vero si merita tutto quel che gli verrà detto o fatto, però una cosa voglio dire, le foto qui sopra a me non sembrano vere per niente. Una persona "massacrata di botte" come dice l'articolo, non ha solo due gocce di sangue, ci sarebbero anche enormi lividi, gonfiori ed escoriazioni. Mentre la pelle della donna nelle foto è perfettamente bianca e liscia tranne per le macchie di sangue messe li ad arte!!! Questo ovviamente è solo il mio pensiero.

  6. mi fanno schifo gli uomini che urlano per spiegare le loro idee che alzano le mani perche' sono uomini di merda vogliono dimostrare cosa? di comandare di essere loro i capi e gli altri zitti a subbire ma andate in malora non meritate chi avete accanto .

  7. se la giustizia esiste la fortuna che ha avuto come cantautore la deve tornare indietro a chi gli e la tolta cioe alle donne che ha picchiato e i suoi guadagni spero li spenda ad avvocati sensa risolvere niente un augurio alla signora e donne nn mollate mai e nn perdete tempo a denunciare chi vi fa del male auguriiiiiiiii

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.