Bambina chiede elemosina per gioco, denunciata la madre.

bambino-solo

Una bambina di appena tre anni passeggia nella piazza chiedendo l’elemosina, porta al collo un cartello con su scritto “Mi hanno abbandonata, fate un’offerta”, nella manina tiene un bicchiere con qualche spicciolo dentro. Ma è tutto finto, uno scherzo, un gioco ideato da una madre per far divertire sua figlia.

È quanto accaduto qualche giorno fa a santa Margherita Ligure. Una donna di 42 anni, milanese ma in vacanza nella cittadina ligure, ha pensato di mandare la figlia a chiedere l’elemosina mentre lei chiacchierava con un’amica al bar di piazza san Bernardo.

La presenza della piccola ha attirato l’attenzione di alcuni passanti, che si sono rivolti ai vigili urbani “È stato una signora ad avvertirmi, così mi sono avvicinato alla bambina, con dolcezza per non spaventarla e per capire se era sola”, ha spiegato Roberto Maiocco, in servizio in quel momento. La bambina non era sola, a pochi metri da lei c’era la madre “È solo un gioco, uno scherzo per fare divertire la bambina e distrarla mentre io parlavo con la mia amica”, si è giustificata lei.

I vigili urbani, rimasti senza parole dopo una simile spiegazione, hanno avvertito i carabinieri e la donna è stata denunciata per sfruttamento di minore ai fini di accattonaggio alla Procura di Chiavari.

“Nel periodo estivo, quando la popolazione di Santa aumenta in modo esponenziale – ha dichiarato Andrea Bernardin, assessore comunale  – vengono aumentati i controlli diurni e notturni ed è proprio durante il giro della pattuglia di vigili urbani che si è scoperta la bambina italiana che chiedeva l’elemosina con, a poche decine di metri la madre, anch’essa italiana residente a Milano”“Non posso credere che una mamma faccia una cosa simile per scherzo – ha aggiunto Bernardin – io ho figli, anche se molto più grandi, e parlo da padre. Non so dire cosa è peggio, se quella donna ha agito per gioco o se veramente, come credo, usava la bambina per raccogliere un po’ di soldi mentre lei la aspettava al bar.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.