CONDIVIDI

È una storia dolce e curiosa quella che ci giunge da Cleveland, nello Stato dell’Ohio, racconta di una mamma gatto che ha preso con sé un cucciolo di pitbull, allattandolo insieme ai suoi micetti. Noland, questo il nome dato al piccolo pitbull, era stato abbandonato davanti un rifugio per animali quando aveva appena qualche giorno di vita. Le sue condizioni di salute erano precarie e in questi casi, come spiega Sharon Harvey, membro della Lega per la protezione degli animali di Cleveland, non sempre l’uso dei biberon per l’allattamento dà esiti positivi.

Da qui la decisione di affidare Noland a Lurlene, una gatta che aveva appena partorito i suoi quattro cuccioli e che ha subito accettato di buon grado l’arrivo di un nuovo figlio, anche se un po’ diverso dagli altri.

Lurlene accudisce Noland nove ore al giorno, poi la sera il cucciolo va a casa di un responsabile dell’associazione animali che lo continua a nutrire con il biberon. Essendo più grande dei gattini, infatti, il latte che riesce a prendere da Lurlene non basta per coprire il suo fabbisogno giornaliero.

 

Tra la gatta e il cucciolo di cane si è reato un rapporto molto forte, per questo la Protezione animali ha deciso di rimandare l’adozione, almeno fino a quando la gatta potrà continuare a occuparsi di lui.

gatta-adotta-pitbull-2

 

 

 

4 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.