CONDIVIDI

Il maltolo è  una sostanza contenuta nel malto e potrebbe essere la nuova arma per la cura dei tumori

Infatti potrebbe dare vita ad una nuova classe di molecole in grado di spingere le cellule tumorali all’autodistruzione.

Questa strategia terapeutica, condotta presso l’Università di Urbino, ha ottenuto il brevetto nazionale ed è in attesa di quello internazionale.

Frutto del lavoro di due squadre di ricerca, quello del dott. Mirco Fanelli del Laboratorio di Patologia Molecolare “PaoLa”e quello del prof.Vieri Fusi, del Laboratorio di Chimica Supramolecolare.

Lo studio ha permesso di scoprire che il maltolo,  spesso usato come additivo alimentare per il suo aroma (soprattutto per l’aroma fragola) e le sue proprietà antiossidanti, può dare origine a nuove molecole.

La sperimentazione del malten e il maltonis, le due molecole inventate dai ricercatori, è ancora all’inizio ma i risultati ottenuti in laboratorio fanno ben sperare.

“Negli ultimi anni – spiegano Fusi e Fanelli – la ricerca in campo oncologico sta affrontando l’intera problematica attraverso una doppia strategia: da un lato cerca di comprendere a fondo le peculiarità molecolari alla base della patologia stessa e, dall’altro, prova a sviluppare nuove molecole come potenziali farmaci”.

“I due approcci – hanno continuato – non navigano necessariamente su due binari diversi ed è proprio con la scoperta dei meccanismi molecolari alterati nella cellula neoplastica che si gettano le basi per lo sviluppo di nuove molecole atte a correggere quelle alterazioni”.

La speranza dei ricercatori è quella di trovare una nuova chiave partendo da una base naturale per sconfiggere il cancro, destinata soprattutto a quei tipi di tumore ancora sprovvisti di terapia.

maltolo vs tumori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.