CONDIVIDI

Le macchie solari sono le più odiate dalle donne e il più delle volte sono disturbi estetici.
Non bisogna però mai sottovalutare le macchie della cute anche se sono asintomatiche, in quanto non è vero che se una macchina non prude o non duole non è pericolosa.
Il melanoma in fase iniziale, ad esempio, non è asintomatico e solo in fase avanzata può determinare prurito .
Quando si suppone avere macchie pericolose sulla propria cute, la prima cosa da fare è evitare l’autodiagnosi o rimedi della nonna. L’unica cosa è rivolgersi ad uno specialista.

Come nascono le macchie sulla pelle

Con l’invecchiamento cutaneo o in seguito alla presenza di fattori esogeni (eccessiva o cronica esposizione U.V., assunzione o applicazione cutanea di farmaci fotosensibilizzanti o fototossici o di profumi) o fattori endogeni (alterazioni ormonali, metaboliche, genetiche) si crea un’eccessiva produzione e/o modificazione della melanina, causando a livello cutaneo differenti manifestazioni cliniche, che vengono abitualmente chiamate “macchie cutanee” ma che in realtà presentano cause, meccanismi patogenetici .

Tumori della pelle

La pelle è formata da tre strati: l‘epidermide (strato superficiale), il derma (strato intermedio) e il tessuto sottocutaneo (strato profondo) e sono molti i tumori che possono colpire la nostra cute.

Pur essendo poco familiari al grande pubblico, i più frequenti tra i tumori della pelle sono i carcinomi basocellulari.

Questo particolare tumore fa meno scalpore dei melanomi perché ha una crescita molto lenta e localizzata nella sede di origine e raramente si estendono in altre sedi. Si riscontrano talvolta alcune varianti di carcinoma basocellulare che sono molto aggressive localmente e specie in alcuni distretti delicati come il volto o il capo possono produrre danni importanti.
Continua

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.