Locorotondo è un borgo situato in Puglia e più precisamente in provincia di Bari.

Esso appartiene alla Valle D’Itria, una zona ricca di natura, paesaggi mozzafiato e trulli (le classiche abitazioni rustiche tipiche della regione).

Questa località ha cambiato denominazione nel corso del tempo. Infatti, un tempo si chiamava Casale San Giorgio, poi Luogorotondo ed infine Locorotondo, nel corso del ‘800.

Tuttavia, le origini del borgo risalgono all’epoca medievale. In termini di geo localizzazione invece, Locorotondo è situata nei pressi di Alberobello, Martina Franca, Cisternino e Fasano.

Ciò che rende particolare Locorotondo è certamente il suo centro storico, costituito dalle tipiche case a costruite con le pietre a secco e il tetto a spioventi, note comunemente come Cummerse.

Ogni anno, migliaia di visitatori provenienti da ogni parte del mondo, scelgono Locorotondo e altre località pugliesi per trascorrere le proprie vacanze estive.

Questo perché si ha la sensazione di immergersi in un’oasi di pace e tranquillità.

Locorotondo cosa visitare

Oltre alla visita del magnifico centro storico, a Locorotondo, è possibile fare un salto alle chiese storiche, come ad esempio:

  • La Chiesa Madre Parrocchia di San Giorgio Martire. Essa risale al XVIII secolo e fu costruita più precisamente tra il 1790 e il 1825 ma consacrata il 13 luglio 1828. Entrando all’interno della struttura religiosa, è possibile ammirare una serie di bassorilievi in pietra secolari e una cripta, dove sono presenti alcune statue e avvengono gli incontri di catechesi.
  • La Chiesa Rettoria della Madonna della Greca, la quale sembrerebbe risalire intorno al 1500, anche se secondo alcune testimonianze è probabile che risalga a qualche secolo prima, subendo una serie di restaurazioni nel corso del tempo.
  • La Chiesa Rettoria di San Rocco. In questo luogo religioso si celebra la venerazione del santo patrono di Locorotondo, ossia San Rocco. A livello temporale, la chiesa fu consacrata il 28 dicembre del 1668.

Locorotondo luoghi d’interesse

  • La Torre dell’Orologio, risalente al 1819
  • La Villa Comunale e il sottovilla.
  • Il Parco Giochi Comunale.
  • L’Ecomuseo della Valle d’Itria.
  • La Cappella della Beata Vergine Maria del Soccorso, consacrata nel 1642.
  • Il Parco IISS Giovanni Basile Caramia.
  • Il Palazzo DeBernardis.
  • Il Cinema Auditorium Comunale.
  • La Sala “Don Lino Palmisano” in Villa Mitolo

E poi:

  • La Chiesa Rettoria di Maria Addolorata, consacrata nel 1858 e nota ai cittadini anche come chiesa di San Gaetano.
  • La Chiesetta di Santa Maria Annunziata, consacrata nel 1813 e conosciuta anche come chiesa di Santa Lucia.
  • Il Santuario dei Santi Cosma e Damiano e della Madonna della Catena, consacrato nel 1866.
  • La Chiesetta dello Spirito Santo, consacrata nel 1697.
  • La Cantina Sociale del vino “Locorotondo DOC”.
  • La Contrada Serafino
  • La Chiesetta di San Nicola di Bari, consacrata nel 1582

Infine (e non per ordine di importanza) bisogna assolutamente fare una passeggiata in Via Nardelli, la quale si affaccia sul belvedere della Valle D’Itria ed è comunemente conosciuta come il lungomare di Locorotondo.

Locorotondo cucina

Chi decide di trascorrere una vacanza a Locorotondo, avrà modo di degustare una serie di prelibatezze tipiche locali.

I locali e i ristoranti qui non mancano affatto (specialmente nel centro storico) e i turisti potranno scegliere di assaggiare le seguenti pietanze:

  • La carne al fornello (bombette, salsicce, fegatini ecc) che si serve cotta proprio in alcune macellerie
  • Le orecchiette con cime di rapa ma anche al sugo
  • Gli Gnummeridd Suffuchet (sempre carne)
  • Le fave con la verdura (solitamente cicoria)
  • La cotoletta con mozzarella e funghi
  • Le friselle e i taralli
  • Il galletto castrato al forno
  • Il calzone di carne e cipolla
  • La ricotta e le mozzarelle

E tante altre specialità tipiche pugliesi (ad esempio la famosa patate, riso e cozze)

Locorotondo curiosità

Per chi non lo sapesse, Locorotondo è nota anche per una serie di riprese cinematografiche, come ad esempio:

  • Casanova ’70, di Mario Monicelli del 1965
  • Polvere di stelle di Alberto Sordi con A.Sordi e Monica Vitti nel 1973
  • Così è la vita di e con Aldo, Giovanni e Giacomo nel 1998
  • Mio cognato con Sergio Rubini nel 2002
  • Le bande nel 2005
  • Baciami piccina con Vincenzo Salemme nel 2006

E alcune fiction pugliesi come ad esempio la Very Strong Family e Catene.

Locorotondo festività

Come vi abbiamo già detto in precedenza, Locorotondo è molto gettonata nel periodo estivo, anche perché essendo situata un po’ più in altura, consente di godere di un clima favorevole.

Tuttavia, anche nel periodo natalizio, è possibile ammirare il centro storico ricco di luci e decorazioni e vi sembrerà di essere immersi in un villaggio magico, come se il tempo si fosse fermato.

Per quanto riguarda le festività di Locorotondo, bisogna assolutamente citare la festa patronale di San Rocco, la quale si svolge per un lasso di tempo abbastanza ampio. Infatti, comincia il 6 agosto e termina giorno 17.

Nel periodo sopra citato, il borgo si riempie di celebrazioni (spesso religiose), bancarelle e musica.

Il momento più suggestivo invece, avviene proprio la notte tra il 16 e il 17 agosto, grazie allo spettacolo pirotecnico, che affascina i turisti ed è una tradizione portata avanti da più di sessant’anni.

Locorotondo dialetto

Il dialetto di Locorotondo è molto simile a quello barese.

Sono tanti i proverbi tipici della zona, come ad esempio:

  • Accome spinne, mange! – come spendi, mangi.
  • Addò arrive, chiande u zippe! – al limite delle tue possibilità, fermati.
  • La cère se strusce e la progessiòne non gamìne! – Stiamo perdendo tempo e denaro!
  • L’adenàme che la checchiàre e le scettàme che la cariòle! Facciamo tanto per risparmiare e poi sperperiamo.
  • Ce sparte iàve la megghìa parte! Chi divide, ha la parte migliore!
  • A ffà la varve au ciucce se perde l’acque u timbe e u sapone! – è inutile perdere tempo con i ciucci ignoranti.

Oppure:

  • Alla morte non si acchiìe la drètte! – solo alla morte non c’è rimedio.
  • La cère se strusce e la progessiòne non gamìne! – Stiamo perdendo tempo e denaro!
  • L’adenàme che la checchiàre e le scettàme che la cariòle! Facciamo tanto per risparmiare e poi sperperiamo.
  • A mangià vène u guste, a pagà vène la suste! – per mangiare non hai problemi, per pagare ti scoccia.
  • Ammìne iasse, o ammin baston, sembe tu uè rasciòne! – Tu vuoi sempre avere ragione!

Insomma, Locorotondo è un borgo ricco di storia, tradizione e buona cucina che bisogna visitare almeno una volta nella vita!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.