CONDIVIDI

Barbara Lezzi su La 7

Ieri sera la ministra Barbara Lezzi è stata ospite al programma televisivo In Onda trasmesso da La 7. Nel corso della trasmissione è stato affrontato anche un tema davvero caro alla Lezzi: il Gasdotto Tap.

Più precisamente gli otto chilometri finali di un gasdotto lungo 4.000 chilometri. Questo perché nel nostro paese il Trans Adriatic Pipeline (TAP) sarà lungo meno di 10 chilometri.

Come già tutti sapranno, il Movimento 5 Stelle quando si trovava all’opposizione ha sempre affermato che quell’opera non si doveva fare.Giovanni Di Battista, addirittura si sbilanciò molto e promise che con il M5S, il governo avrebbe fermato il TAP in 2 settimane.

La Lezzi non ha letto la valutazione d’impatto Ambientale sul TAP

Sia la Lezzi che il movimento 5 stelle sono ormai al governo da due mesi, il TAP però non è ancora stato fermato. A decidere ciò sono stati il presidente del consiglio Conte e e il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi.

Ambedue, infatti, si trovano d’accordo sul fatto che il gasdotto non si può fermare. Barbara Lezzi nei giorni scorsi aveva affermato di voler bloccare l’opera, si è però poi accorta che non si poteva più intervenire nell’iter del progetto. Infatti era già stato tutto autorizzato negli scorsi anni.

Le balle della Lezzi in tv

Ieri sera la ministra ospite appunto del programma In Onda, ha affermato quanto segue: “dove il Partito Democratico ha previsto l’approdo di quel gasdotto c’è molto turismo, ci sono tantissime medie imprese che lavorano”.

La Lezzi si riferisce all’arrivo della condotta offshore al punto d’approdo di San Foca. Tra il 2012 ed il 2014, quando ci fu l’iter di presentazione del progetto, si sono svolti oltre 160 incontri con le istituzioni locali per individuare una proposta alternativa.

Solo che né dai comuni interessati, né dalla regione Puglia sono mai arrivate queste soluzioni alternative, Ma non finisce qui.

Infatti sebbene sia stato il ministero dell’Ambiente di un governo a guida PD a dare l’ok al progetto, la decisione è stata presa sulla scorta del via libera dalla Commissione Valutazione dell’Impatto Ambientale (VIA) e Valutazione Ambientale Strategica (VAS) nel 2014.

E dunque come si può controbattere a questi ragionamenti tecnici? Semplice. La Lezzi ha deciso di semplificare tutta la questione, e le sue testuali parole sono state: «io adesso voglio sfidare chiunque a stendere un asciugamano sopra un gasdotto».

I telespettatori che hanno sentito quest’affermazione da casa hanno però capito che il gasdotto è pericoloso perché passa sotto una spiaggia. Ma in realtà la Lezzi non ha idea di cosa stia parlando. Infatti il micro tunnel che collega il gasdotto offshore con quello  sbucherà a circa 700 metri alle spalle della spiaggia e giungerà in mare a circa 800 metri dalla costa, ad una profondità di oltre 25 metri.

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.