Lele Mora si è confessato a La Zanzara, su Radio24, rilasciando un’intervista nella quale, tra le altre corse, ha parlato anche della sua relazione con Fabrizio Corona.

“Corona è  stato un grande amore prima e quando sei innamorato hai le bistecche sugli occhi, io avevo una fiorentina, ero soggiogato tantissimo. A Corona ho dato parecchi soldi per farlo stare sereno. Mi dispiace perché gli ho dato delle cose che potevo evitare di dargliele. Io non rinnego niente di quello che ho fatto ma non riapparirei. Non ho mai pagato per il sesso e l’errore più grande che ho fatto è  stato apparire.”

Stravede per Matteo Renzi, sindaco di Firenze “Mi piace moltissimo. E’ un gran figo, sexyssimo. Può piacere a tutte le donne d’Italia. Una faccia un po’ sorniona, un po’ strafigo e un po’ che trasmette sensualità. Se mi ricorda Berlusconi? Ma va la è un’altra cosa.”

Parole di elogio per l’ex premier “Ama il suo Paese e dovrebbe ricandidarsi, c’è ancora bisogno di lui, è il numero uno in tutto. È ancora un ragazzino anche se ha 75 anni. È un uomo che non li dimostra, lavora 22 ore al giorno. Berlusconi al Paese fa bene. Non sento Berlusconi da molto prima del carcere, dal 7 gennaio 2011, sono amico suo dal 1986. Non ho mai portato escort a Berlusconi, mai. È un uomo che ama moltissimo le donne e il sesso.”

Parla del suo cambio di vita “Chiamami Gabriele, Lele non esiste più, lo abbiamo archiviato. Ora vado a fare il sociale per aiutare le persone che non hanno voce. Lavoro per don Mazzi e sarò volontario per due-tre volte alla settimana per sei ore al giorno. E non perché me lo ha imposto il tribunale. In particolare curerò l’orto e organizzerò eventi per ristrutturare la Capanna dello zio Tom affidata dall’amministrazione comunale. Mi occuperò di un ristorante, un centro di accoglimento per i giovani e porterò gli sponsor anche per altre sedi in giro per il mondo.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.