CONDIVIDI

Quante volte capita che le madri, stanche della pigrizia, del disordine e della scarsa collaborazione dei figli, minaccino di scioperare smettendo di lavare piatti e biancheria? Spesso, ma quasi mai passano dalle semplici “minacce” ai fatti.

Jessica Stilwell, madre 37enne di Calgary, nello stato canadese dell’Alberta, l’ha fatto! Ha deciso di scioperare ad oltranza, fino a quando le sue figlie, le gemelline Olivia e Peyton di 12 anni, e Queen di 10, non si fossero finalmente decise a dare una mano in casa.

La signora ha infatti un lavoro a tempo pieno ed è quindi importante che ognuno in casa faccia la sua parte, per questo, dopo essersi consultata col marito, ha deciso di passare al contrattacco. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata una domenica sera. Aveva faticato tutto il giorno e alle 23 era riuscita finalmente a sedersi, ma guardandosi intorno si è resa conto del disordine che la circondava: in tutto quel caos non c’era però niente di suo.

Non ha annunciato il suo sciopero ma ha semplicemente smesso di fare le solite faccende domestiche, lasciando che i piatti sporchi si accumulassero in cucina, la roba da lavare restasse nella cesta invece di essere messa in lavatrice e tutti gli oggetti sparpagliati sul pavimento rimanessero esattamente dove erano.

Ma non si è fermata qui, ha inoltre  aperto un blog, Striking Mom Jessica, dove giorno dopo giorno raccontava il procedere della situazione, come il caos in casa aumentasse col passare del tempo “Mi prudevano le mani e avrei voluto pulire, ma avevo preso una decisione e dovevo rispettarla. Tenere il diario online mi ha aiutato.”

Dopo sei giorni di sciopero, le bambine hanno ceduto, la prima a provare ribrezzo per lo stato della casa è stata la figlia più piccola “Mi ha reso triste”.

Lo sporco è stato ripulito con la collaborazione di tutta la famiglia e, almeno per ora, le figlie della signora Stilwell sembrano aver capito la lezione, sono più ordinate e aiutano la loro mamma.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.