CONDIVIDI

Parliamo di Maggie Meier, una ragazza che qualche mese fa è stata affetta da una forte meningite che l’ha portata a stare a letto in stato comatoso per 2 mesi e mezzo. In questo lasso di tempo trascorso in ospedale non riusciva a camminare, a parlare, a ragionare, eppure se le veniva messa una palla da basket in mano e veniva improvvisato un canestro, lei riusciva a tirare tra le braccia di chi aveva unito e incurvato le braccia a mo’ di canestro.

Un gesto questo a dir poco sconvolgente. La spiegazione è semplice ma allo stesso tempo complessa da accettare: Maggie gioca a pallacanestro da quando ha iniziato a camminare, se non da prima, quindi il gesto di tirare a canestro è talmente radicato in lei che anche in stato di incoscienza è la cosa che riesce a fare meglio. Anche con il cervello lesionato a causa della forte medicina e dei mesi in coma, questo era il suo primo istinto.

Anche il neurologo che l’ha avuta in cura William Graf non riusciva a credere ai suoi occhi e affermava di non aver mai visto niente del genere.

Evidentemente il sogno di giocare in una vera squadra di basket era talmente insito dentro di lei che anche quando tutto sembrava averla abbandonata il suo sogno non era in grado di lasciarla, sogno che finalmente è diventato realtà, infatti dopo la riabilitazione Maggie è stata selezionata per entrar a far parte della squadra degli Huskies.

Inoltre Maggie ha deciso che continuerà a studiare per specializzarsi nell’assistenza di persone disabili, ed in qualche modo questo gesto la porta a ringraziare tutte le persone che le sono state vicine in quel periodo così difficile della sua vita.

Questa storia ci dev’essere di lezione, affinchè ognuno di noi impari che anche quando tutto sembra averci abbandonato le cose più importanti non ci abbandonano mai… i nostri sogni. 

Caterina Perilli

 

2 COMMENTI

  1. non è una novità, per chi avesse bisogno… conosco chi è in grado di interagire con le persone in coma per poterle mettere nella condizione di scegliere se svegliarsi e restare fra noi o se svegliarsi salutare i propri cari ed andarsene in modo molto più sereno e senza situazioni in sospeso… se vi serve il contatto di questa persona contattatemi…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.