CONDIVIDI

E’ iniziata ieri 22 aprile la festa della buona cucina, la kermesse ad Arezzo che ha rinominato la sua piazza Grande in “La piazza del Gusto” e che si concluderà martedì 25 aprile, giorno della Liberazione.

Ha dato il via ufficiale alla kermesse il taglio di un carpaccio di Chianina da record lungo 4 metri.

La manifestazione è stata organizzata dalla Confcommercio con il patrocinio del Comune, la Fraternita dei Laici, il diretto contributo della Banca Popolare di Cortina e GP Motors della città per rendere omaggio alla popolare ed eccellente enogastronomia aretina.

Torna “La piazza del Gusto”: siete tutti invitati

Non è la prima volta che viene organizzata la kermesse “La piazza del Gusto” e, quest’anno, torna più forte che mai registrando un record: alla sua nona edizione raddoppia l’impegno e la sua durata passando da 2 a 4 giorni finalizzati a celebrare in modo degno la qualità della buona cucina e del buon vino di Arezzo.

La gastronomia viene presentata in tre formule: ristorazione, cibo di strada e tradizione toscana del buon cibo.

 

15 isole alimentari in piazza Grande e spettacolo

Sono state installate 15 isole alimentari in “Piazza del Gusto”: la vendita apre ai visitatori dalle 10,00 alle 24,00 per consentire loro di degustare i prodotti tipici locali ma anche i piatti ‘take way’ (a portar via).

Si propone di tutto, dai golosi piatti tradizionali alle specialità senza glutine.

Il gusto per la cucina genuina è accompagnato ed allietato da momenti di spettacolo, show musicali, animazioni per bambini offerte dalla Banda dei Piccoli Chef, i cooking show, il Barber Shop in stile vintage per chi vuole fare barba e capelli in Piazza Grande come ai vecchi tempi.

I macellai della Confcommercio, i birrifici della Coldiretti, gli operatori della piazza, l’Associazione Cuochi di Arezzo, i ‘carrettini’ di gelato di Carlo Viti e Tartufitaly, lo stand al suo esordio che attira gli appassionati del ‘re’ tartufo: sono questi i protagonisti della kermesse.

 

Festa doppia a ridosso del 25 aprile

La Piazza del Gusto si consolida come una manifestazione centrale nel calendario degli eventi primaverili che richiama visitatori e turisti in un periodo particolarmente azzeccato.

L’iniziativa di Confcommercio vuole omaggiare l’impegno delle categorie sindacali, della ‘bontà’ enogastronomica aretina e la grande professionalità degli operatori commerciali.

Quest’anno raddoppiare la durata della grande festa del gusto coincide con un fine settimana strategico a ridosso della ricorrenza del 25 aprile.

 

Le ‘bontà’ aretine sono servite

Sui grandi tavoli all’aperto o nella formula ‘take away’, l’Associazione Cuochi di Arezzo serve bontà tipiche locali: carne alla griglia, primi piatti fatti in casa e dolci fatti in casa di Lancia d’oro e Logge Vasari, salumi, ciacce fritte, le pizze rosse ed i panini gourmet ripieni di pesce della pizzeria Pomodoro Pachino, formaggi freschi e stagionati, cibo di strada tradizionale, fritti, dessert, birre genuine agricole, squisiti cibi senza glutine.

L’altro importante stand è quello dell’Associazione Macellai ‘armati’ di maxigriglia per la cottura di bistecche, salsicce di elevata qualità, hamburger di Chianina. La novità di quest’anno è l’angolo dedicato ai piatti di carne cruda: tartara alla toscana con tartufo, margarita e carpaccio di Chianina, macedonie a base di carne ed altre specialità a sorpresa.

 

Musica live

Il 22 aprile, “La Piazza del Gusto” ha inaugurato la festa della buona cucina aprendo la kermesse in grande stile con due ore di concerto live soul ‘The Taste of Music’ con Marzia Neri quartet.

Lunedì 24 aprile sarà la volta di Monero Berneschi e della sua serata dj set.

Cibi per il vostro palato e musica per le vostre orecchie fino a mezzanotte e fino al 25 aprile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.