CONDIVIDI

Allarme opere incompiute in Italia

Dighe abbandonate, strade a metà, porti mai utilizzati. Sono ben 868 le opere incompiute in Italia nel 2014, 176 in più rispetto all’anno precedente, per uno spreco complessivo pari a 4 miliardi. A dirlo è il Codacons.

Opere incompiute da Nord a Sud

La maglia nera spetta alla Sicilia, che sul proprio territorio conta 215 opere non portate a compimento. Ma la situazione si aggrava di anno in anno in tutte le regioni italiane.

Da Nord a Sud, interessando sia regioni economicamente più avanzate che aree meno sviluppate del Mezzogiorno. In Abruzzo, ad esempio, le infrastrutture incompiute sono passate dalle 33 del 2013 alle 40 del 2014; in Calabria: da 64 a 93; in Lombardia da 19 a 35; in Puglia: 59 nel 2013, 81 nel 2014.

Queste infrastrutture, denuncia il Codacons, sono già costate in media 166 euro a famiglia, e per portarle a compimento servirebbero altri 1,4 miliardi di euro. “Risorse sottratte alla collettività costretta a finanziare dighe progettate negli anni ’60 e poi lasciate in stato di abbandono, porti inaugurati e mai utilizzati, strade che non portano in nessun posto perché lasciate a metà, strutture inutilizzate a causa degli elevati costi di gestione.”

La medaglia allo spreco va consegnata alla Città dello sport di Tor Vergata a Roma, costata finora ai cittadini oltre 607 milioni di euro. Un progetto che rappresenta un danno per la città e per i residenti della zona, e per questo andrebbe subito abbattuto.

“ll fenomeno delle opere incompiute è assolutamente trasversale – sottolinea l’associazione – a dimostrazione che gli sprechi non hanno colore politico o differenze territoriali.”

Città dello sport di Tor Vergata, Roma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.