Esiste un ormone che presenta identici benefici della palestra.
Stiamo parlando dell’Irisina, l’ormone che rafforza le ossa e, in dosi maggiori, aiuta anche a bruciare più grassi e quindi a dimagrire.
La scoperta è avvenuta qualche anno fa, precisamente nel 2012, ma solo adesso la sua funzione sulle ossa è stata individuata da una ricerca italiana pubblicata sulla rivista dell’Accademia delle Scienze degli Stati Uniti (Pnas).

Come si produce l’irisina?

L’ormone viene prodotto fisiologicamente dai muscoli .
Saverio Cinti, direttore del centro sull’Obesità dell’università di Ancona, coautore della ricerca con Maria Grano, anatomista e istologa dell’università di Bari ha dichiarato che la prospettiva sarà quella” di utilizzare questo ormone in futuro come farmaco ed ulteriori studi condotti su animali utilizzati come modello dell’osteoporosi si stanno rilevando promettenti”,

”Probabilmente – ha aggiunto – il principale ruolo della molecola sullo scheletro agisce a piccole concentrazioni, mentre a dosi più elevate agisce anche sul grasso”.

La nuova ricerca, e i relativi risultati (se confermati) porteranno a nuovi studi e prodotti farmacologici contro malattie del metabolismo, ma anche trattamenti per perdere peso in maniera più efficace.

Irisina cos’è

Come vi abbiamo già detto in precedenza, l’irisina è un ormone presente nel siero.

Esso fu reso noto per la prima volta nel 2012, grazie ad uno studio americano (e più precisamente della Harvard Medical School). Sin dal primo momento, questa scoperta ha suscitato un certo interesse, poiché risulterebbe essere un perfetto alleato per tutti coloro che vogliono rinforzare le ossa e perdere qualche kg di troppo.

Ormai conosciuta come l’ormone dello sport, l’irisina è una molecola che prende la sua denominazione da Iris, ossia la dea greca.

Irisina come funziona

Andando nello specifico, possiamo dire che l’irisina si produca attraverso l’esercizio fisico.

Di conseguenza, è in grado di trasformare il grasso bianco in grasso bruno. Il primo rappresenta l’accumulo di tutte le nostre risorse energetiche. Il secondo invece, è detto anche “buono”, poiché ha come scopo principale quello di dare al nostro organismo calore.

Molti aspetti dell’irisina sono ancora in fase di studio. Anche perché sembrerebbe proprio che sia in grado di svolgere ulteriori compiti. Ad esempio, secondo uno studio dell’Università di Bari, ci sarebbe uno stretto legame tra muscoli e scheletro. In tale contesto, l’irisina (a basse concentrazioni dopo lo sport), riuscirebbe ad influenzare la formazione di tessuto osseo. Incredibile vero?

Questo aspetto risulta essere molto interessante, specialmente per tutte quelle persone anziane affette da osteoporosi. O anche gente che presenta una serie di patologie strettamente interconnesse all’apparato scheletrico. Pertanto, si prevede che attraverso la ricerca si possa giungere a delle scoperte sensazionali. L’irisina non diventerebbe famosa soltanto per il suo “potere dimagrante”, ma anche come trattamento perfetto per vari individui.

Irisina benefici

A questo punto ci si chiede, quali sono i vari benefici dell’irisina già noti?

Secondo diverse fonti attendibili, tale molecola riuscirebbe a migliorare la sensibilità insulinica delle cellule. Inoltre influirebbe positivamente sull’incremento del dispendio energetico (da parte del tessuto adiposo). Ciò significa che il soggetto in questione andrebbe incontro ad una vera e propria riduzione della massa grassa.

Inoltre, come vi abbiamo già detto in precedenza, l’irisina contribuisce sulla formazione di tessuto osseo. Al momento si sta studiando la sua possibile correlazione con i vasi sanguigni. Magari potrebbe apportare degli effetti positivi anche dal punto di vista cardiocircolatorio… ma è ancora tutto in dubbio.

Tramite il monitoraggio delle telomerasi, l’irisina risulta anche ottima per contrastare l’invecchiamento delle cellule. Pertanto, ci fa sentire più giovani ed energici. E’ probabile che abbia buoni riscontri anche dal punto di vista cutaneo, rendendo la pelle tonica ed allo stesso tempo elastica.

Facendo un resoconto, questa molecola sembrerebbe promettere molto. In primis, riguardo la lotta contro l’obesità e all’osteoporosi. Tuttavia, si vocifera anche la sua efficienza nel monitoraggio di una serie di patologie, come ad esempio:

  • Il diabete mellito
  • L’aterosclerosi
  • L’insulino-resistenza

Ma ci teniamo a ribadire che molte di esse sono ipotesi. Una cosa è certa: l’attività fisica (se effettuata con regolarità) apporta numerosi benefici al nostro organismo.

Infatti, ci consente di prevenire varie patologie, facendoci sentire in forma non soltanto dal punto di vista fisico ma anche psicologico. Anche una semplice passeggiata quotidiana (di minimo 20 minuti), può aiutare a farci sentire meglio, in pace con noi stessi.

Tra l’altro, quando effettuiamo delle contrazioni muscolari, il nostro organismo rilascia una serie di molecole (tra cui l’irisina), in grado di farci stare bene a livello istantaneo.

Ovviamente, a tutto ciò bisognerà integrare una corretta alimentazione. Quest’ultima deve basarsi su un corretto bilanciamento di vitamine, carboidrati, proteine e così via. Allo stesso tempo, evitate l’eccessivo consumo di alcol, fumo e tutti quegli alimenti ricchi di zuccheri complessi. Insomma, abbandonate la sedentarietà e state pur certi che il vostro corpo vi ringrazierà!

 

2 COMMENTI

  1. Articolo interessante.
    Devo dire per dimagrire bisogna avere determinazione e ovviamente ci sono alimenti che aiutano.
    Io ho trovato un ottimo ebook. Con me ha funzionato, ho perso 10 kili nei primi 21 giorni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.