CONDIVIDI

Nomignoli tra innamorati

Passerotto, orsacchiotto, amorino, paperina, scoiattolino, gattina sexy, crostatina, cioccolatino: sono alcuni dei nomignoli maggiormente utilizzati dalle coppie di innamorati.

C’è chi opta per soprannomi classici e chi invece dà libero sfogo alla fantasia. Qualunque sia la scelta finale, la prassi di attribuire al proprio partner un nomignolo è piuttosto diffusa.

Ma da dove deriva questa usanza? Perché gli innamorati sentono l’impulso di chiamare la propria dolce metà in maniera più o meno buffa?

Secondo Jean Berko Gleason, famosa psicolinguista dell’Università di Boston, le ragioni vanno ricercate nell’infanzia dei partner. “I vezzeggiativi con cui spesso ci si rivolge alla persona amata – spiega – richiamano quelli che i genitori, soprattutto le mamme, usano con i propri bimbi.”

Questa forma di amore attiva nei piccoli la dopamina, ovvero il neurotrasmettitore responsabile della sensazione di benessere che si prova quando si ricevono coccole e attenzioni. Quando si è innamorati e corrisposti si provano le stesse emozioni dell’infanzia e ciò si esprime nella scelta dei nomignoli.

Le basi emozionali che si provano nei confronti del proprio partner – afferma Gleason – sono le stesse provate da piccoli verso i propri genitori”, perciò “il linguaggio affettuoso che esce spontaneo è frutto dei ricordi infantili e dell’amore ricevuto dalle persone care”.

Il bambino, crescendo, continua a conservare il ricordo delle belle sensazioni provate da piccolo “rispecchiando il sentimento e l’impatto emozionale nei confronti della persona amata, oltre che una buona intesa affettiva di coppia.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.