pomezia

Diventa sempre più preoccupante la situazione ambientale dopo l’incendio a Pomezia di venerdì scorso. Dopo che le fiamme hanno divorato lo stabilimento della Eco X arriva una notizia non certo positiva e riguardante la presenza di amianto sul materiale campionato.

Notizia con un comunicato ufficiale delle Asl

La notizia della presenza di amianto sul materiale campionato in seguito al rogo alla Eco X di Pomezia è stata data con un comunicato ufficiale delle Asl locali. Al momento, come affermato dal procuratore di Velletri, non si hanno informazioni certe sull’entità della suddetta sostanza nociva. Ciò vuol dire che le analisi sono parziale e che non è ancora possibile stabilire il grado d’inquinamento generato in seguito al rogo alla Eco X.

Le Asl locali hanno messo in atto le primissime analisi sui frammenti delle lastre ondulate che un tempo costituivano la copertura sia esterna sia interna degli edifici della Eco X. I vigili del fuoco hanno intanto confermato un dato chiaro già prima dell’incendio e palese semplicemente guardando Google Maps: il tetto degli edifici della Eco X era pieno di amianto.

Secondo i rappresentanti del M5S di Pomezia, la giunta regionale di Nicola Zingaretti ha tentato di minimizzare la situazione. Al presidente della giunta regionale del Lazio è stato richiesto di riferire subito sulla situazione e sui dati relativi al monitoraggio dell’aria. Ieri mattina si è svolta una riunione per fare il punto della situazione. Domani, invece, è previsto un question time alla Camera dei Deputati richiesto da Sinistra Italiana per fare luce sul tema. Il Governo dovrà rispondere ad alcune domande in merito alla questione dell’incendio della Eco X e alle sue conseguenze per l’ambiente.

Intanto, dopo la conferma della presenza di amianto si attendono i risultati delle analisi per quanto riguarda la diossina e gli idrocarburi. Per sapere qualcosa di più in merito bisognerà attendere venerdì. 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.