E’ stato estratto dalla cabina, all’interno della quale e’ stato individuato stamane dai sub, il corpo dell’operaio F.Z., di 29 anni, di Talsano, in provincia di Taranto, disperso da mercoledi’ mattina quando nella zona dello stabilimento siderurgico Ilva di Taranto si e’ abbattuta una violentissima tromba d’aria che ha fatto precipitare in mare una gru.

La cabina si trovava a circa 30 metri dalla banchina e a una profondita’ di circa 25 metri. Oggi ai sommozzatori dei Vigili del fuoco si erano uniti i subacquei della Guardia Costiera provenienti da Napoli. Il moto ondoso piu’ attenuato ha consentito una maggiore visibilita’ in profondita’ e facilitato maggiormente il lavoro . Le operazioni sono state coordinate dalla Capitaneria di Porto di Taranto.

Nella giornata odierna arriva in Cdm il decreto legge sull’Ilva per consentire la ripresa della produzione nello stabilimento di Taranto e “conciliare la tutela dell’occupazione e dell’ambiente e il rispetto della magistratura”, dice il premier Mario Monti al tavolo con le parti sociali, l’azienda e gli enti locali. Intanto   a Genova e’ terminata l’assemblea dei lavoratori dello stabilimento indetta ieri sera al termine del vertice a Roma tra Governo e sindacati sul decreto legge ‘salva-Ilva’ e dopo i tafferugli davanti alla prefettura durante i quali un operaio è rimasto ferito. Gli operai e gli impiegati, un migliaio di persone, hanno iniziato il corteo bloccando la rampa di accesso dell’aeroporto di Genova. Il corteo, al quale potrebbero unirsi gli operai di Ansaldo, procede verso il centro città.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.