CONDIVIDI

Bonisoli scatena le polemiche

Di recente il ministro Bonisoli ha partecipato ad un incontro con i sovraintendenti d’Italia negli uffici liguri di Belle Arti. Durante questo incontro, uno dei sovraintendenti domanda al Ministro se non sia necessario rivedere i criteri di selezione dei dirigenti dei museiconsiderando il fatto che per gli esperti della storia dell’arte, la graduatoria non è ancora finita.Per tanto si rischia di avere tra i dirigenti solo degli storici dell’arte che però non sono ne architetti ne archeologi. 

A questa domanda però Bonisoli se ne esce con una battuta sarcastica che ha scatenato non poche polemiche. Il Ministro infatti risponde cosi: ““Anche io abolirei la storia dell’arte. Per me, al liceo, era una pena”.

In merito a ciò, è intervenuta anche l’ANISA (Associazione Nazionale Insegnanti Storia dell’Arte), che tramite la sua presidente, Irene Baldriga ha dichiarato quanto segue: “Risulta quantomeno bizzarro il fatto che – nel frattempo – la sua stessa maggioranza abbia rilanciato la proposta di una legge che concretizzi il potenziamento della storia dell’arte nella scuola”.

La presidente continua ed afferma: “Se davvero ha pronunciato quelle parole, vorremmo dire al Ministro che la storia dell’arte è una disciplina importante, nel senso più puro del termine: significa molto per i giovani possedere delle chiavi di lettura per apprezzare la bellezza e la densità del patrimonio di cui saranno eredi. Attendiamo, fiduciosi, una smentita”.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.