Il colosso svedese Ikea ha deciso di togliere dal suo catalogo per l’Arabia Saudita le immagini raffiguranti donne, decisione che ha provocato le veementi proteste delle autorità e popolazione svedesi, dal momento che la Svezia è sempre stata in prima linea nella battaglia per la parità dei sessi.

A rivelare le modifiche apportate al catalogo è stata la rivista gratuita Metro, che ha messo a confronto una copia standard con quella saudita.

“Non si possono cancellare le donne dalla realtà, se l’Arabia Saudita non consente alle donne di essere viste, ascoltate o di lavorare, rinuncia alla metà del suo capitale intellettuale” ha detto il ministro al commercio estero Ewa Bjoerling.

Le donne e le bambine sono state sostituite con figure maschili, e il profilo di una designer è stato eliminato dalla copertina.

L’atteggiamento dell’Arabia Saudita nei confronti delle donne è piuttosto rigido: non possono guidare e hanno bisogno dell’autorizzazione dei propri tutori maschili per viaggiare o ricevere cure mediche. Un modo di pensare e fare considerato “medievale” dal ministro degli Affari europei Ohlsson.

Il comportamento dell’Ikea è stato visto come un cedimento nei confronti di un Paese che porta avanti idee discriminanti nei confronti delle donne, tanto che il colosso di mobili è stato costretto alle scuse “Avremmo dovuto capire che escludere le donne dalla versione saudita del catalogo è in contrasto con i valori del gruppo Ikea” si legge nel comunicato.

In realtà, per il rivenditore di mobili low cost non si è trattato del primo caso di censura, e forse nemmeno l’ultimo.

2 COMMENTI

  1. manco fossero nude…cmq….non ho parole!!! siamo nel 2012 non sarebbe giunta l'ora di cambiare queste abitudini o tradizioni o costrizioni chiamatele un po come vi pare… nei confronti delle donne???????????????????

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.