Il tema unghie è molto sottovalutato in tema di pulizia perchè si pensa che basti pulirisi le mani sotto l’acqua corrente per essere al sicuro da virus e batteri.

In realtà le unghie sono un luogo sicuro per il rifugio del nemico invisibile.

In un periodo come questo dove l’igiene è più che mai indispensabile per la salvaguardia di se stessi, dobbiamo seguire alcuni consigli per tutelarci al meglio.

  • Mattina: Appena sveglie, la prima cosa da fare è lavarsi le mani. Munitevi di una spazzolina che serve proprio alla pulizia delle unghie e cercate poi di disinfettarle oltre che di detergerle.
  • Taglia le unghie corte: questo serve per prevenire ancora meglio future infezioni. Taglia con un bordo dritto in modo da limarle solo in seguito, per conferire loro una forma arrotondata. 
  • Pulizia delle unghie con perossido di idrogeno o semplice acqua e limone.

Unghie ingiallite

Unghie gialle o Xantonichia, quali sono le cause e i rimedi per questo disturbo? Avere le unghie ingiallite è un disturbo il più delle volte associato a uno stile di vita poco sano a prescindere dal semplice fattore antiestetico. Molto spesso, infatti, le unghie ingiallite rappresentano un vero e proprio sintomo dipendente da un malessere interiore dell’organismo

Per chiarire le cause è fondamentale prima di tutto individuare i possibili elementi o vizi poco salutari che sono presenti nello stile di vita. Il primo vizio che causa l’ingiallimento delle unghie è il vizio del fumo, che oltre a essere pericoloso per i polmoni e il cuore causa l’ingiallimento non solo delle unghie ma anche quello dei denti. Un altro fattore che può causare l’ingiallimento delle unghie è la carenza di vitamine e sali minerali a cui può aggiungersi l’utilizzo di prodotti cosmetici per le unghie troppo aggressivi. In altri casi le unghie ingiallite possono essere sintomo di patologie più gravi che colpiscono il fegato o i polmoni. 

Per ovviare a questo difetto antiestetico è possibile ricorrere ad alcuni rimedi. Prima di tutto si consiglia di eliminare tutti i vizi anti salutari come quello del fumo, in modo da migliorare in generale la salute dell’organismo andando anche a recuperare capacità olfattive e polmonari. E’ utile anche consumare frutta e verdura andando a reintegrare i mancanti sali minerali o vitamine. 

Molto utile è anche il trattamento a base di limone: tagliate un limone a metà e inserite le unghie all’interno della polpa per qualche minuto. In questo modo l’azione antibatterica e disinfettante del limone consentirà di riportare il normale colorito dell’unghia e a contrastare l’eventuale presenza della micosi delle unghie. In alternativa è possibile immergere le unghie in una soluzione di succo di limone, acqua e bicarbonato. Dopodiché si potranno massaggiare le unghie con gel a base di aloe vera, pianta molto preziosa e benefica.

Come smettere di mangiare le unghie

L’onicofagia, meglio nota come la brutta abitudine di mangiarsi le unghie, rappresenta un disturbo piuttosto comune e in crescita. Secondo recenti studi, infatti, una persona su tre soffre di onicofagia, con una maggiore incidenza nell’infanzia e nell’adolescenza.

Le conseguenze di questo disturbo non riguardano solo la sfera estetica ma anche la salute. Si rischia infatti di trasferire in bocca i microrganismi che si sedimentano sotto le unghie, con conseguenti varie infezioni. Anche la rimozione impropria delle cuticole può portare a conseguenze sgradevoli, come infezioni batteriche o virali. A cui si aggiungono altri effetti collaterali: lesioni gengivali, usura degli incisivi, malocclusione dei denti anteriori, infezioni della bocca e problemi allo stomaco.

Ma dire addio a questa cattiva abitudine è possibile! Basta metterci un po’ di buona volontà, e qualche semplice trucchetto!

Onicofagia: consigli per smettere

Autoconsapevolezza: è la regola numero 1. Prendere atto del problema e decidere di smettere, è il primo passo verso il successo. Questo permetterà di gestire lo stimolo, evitando che prenda il sopravvento e dirottandolo altrove.

Chewing-gum (meglio senza zucchero) e piante commestibili: possono rappresentare una valida alternativa. Tenetele sempre a portata di mano, in modo da iniziare a masticarle quando avvertite lo stimolo. Sopratutto in momenti di tensione.

Smalto amaro: viene chiamato il rimedio per i principianti. Nei casi meno gravi può essere sufficiente per eliminare il disturbo. Allo stesso modo può essere utilizzata l’aloe vera: basterà spalmarla sulle unghie.

Passatempo: che sia un hobby o uno sport, l’importante è che vi tenga occupati e vi permetta di diminuire il livello di stress.

Infine, imparate ad amare le vostre unghie, coccolandole giorno dopo giorno. Vedrete che non vi salterà più in mente di far loro del male!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.