CONDIVIDI

semi di sesamo sono una fonte eccellente di elementi nutritivi, racchiusi nelle minuscole dimensioni di ognuno di essi.

Al fine di  nutrirsi per mantenere un buon livello di salute sono da considerare molto importanti,  insieme ad altri semi benefici come quelli di zucca, di lino e di girasole.

Parlando di semi di sesamo, ci si riferisce ad una pianta  originaria dell’India e dell’Africa, a cui è stato attribuito il nome scientifico di Sesamum indicum.

Possiamo trovarne due tipologie: i semi di sesamo nero e semi di sesamo bianco. Quelli di sesamo bianco sono meno rari e più facilmente reperibili e loro proprietà nutritive sono molto simili.

Sono da considerare un’ottima fonte vegetale di calcio. 100 grammi di semi di sesamo  ne possono contenere infatti dagli 800 ai 1000 milligrammi. Nella stessa quantità di semi  troviamo circa 470 mg di fosforo, 815 mg di magnesio e 20,1 mg di ferro, oltre al 18,7% di proteine.

La loro assunzione  risulta benefica per le ossa, migliora le funzioni del fegato,  riduce i reumatismi,  i dolori articolari e migliorala digestione.

Inoltre l’olio di sesamo,  si usa per la cura della pelle, per  massaggi rinvigorenti e contro la forfora.

Si trovano facilmente in vendita nei grandi supermercati, in erboristeria  e nei  negozi di prodotti biologici

Più difficile potrebbe essere  trovare i semi di sesamo nero, in Italia ancora non tanto diffusi quanto in oriente o in altri Paesi europei. 

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.