L’ondata di maltempo straordinaria sta purtroppo facendo molte vittime e l’emergenza neve sembra non attenuarsi poiché anche per la giornata di oggi è atteso almeno un metro di neve. La slavina che ha interamente travolto l’hotel Rigopiano si è staccata da un costone di montagna sicuramente a causa delle scosse di terremoto che si sono susseguite nell’arco della mattina di ieri, mercoledì 18 gennaio.

Delle due persone tratte in salvo, che hanno passato la notte in macchina dopo aver allertato i soccorsi, una è ricoverata a causa di un grave stato di ipotermia ma non sarebbe in pericolo di vita.

La valanga ha colpito l’hotel ma ha sommerso anche gli allevamenti di bestiame e le stalle che si trovano nella stessa zona. Anche questa è una emergenza nell’emergenza poiché gran parte del sostentamento della zona arriva proprio dagli allevamenti di bestiame.Alcune delle persone presenti nella zona erano riusciti a scendere a piedi a valle e a dare l’allarme, mentre sarebbero una trentina le persone rimaste intrappolate da ormai 24 ore nell’hotel Rigopiano. I soccorritori purtroppo riferiscono di non sentire voci provenire dall’interno dell’hotel e proprio in questi minuti è stata estratta la prima vittima. Le ambulanze e il resto dei soccorritori sono bloccati a oltre 9 km di distanza dall’hotel.

Nevicate straordinarie anche ad Amatrice e in tutte le zone del centro Italia colpite pesantemente dalle scosse di terremoto del 24 agosto e del 30 ottobre. La protezione civile cerca in ogni modo di raggiungere le zone in cui sono state inviati oltre 700 vigili del fuoco. Arriveranno militari sia dal nord sia dal sud e ora la priorità è la messa in sicurezza di tutti i cittadini, ma le condizioni proibitive rendono sempre più lenta la macchina dei soccorsi. Il capo del dipartimento della protezione civile Curcio ha precisato però che questo non è il momento per fare polemiche poiché gli uomini dei soccorsi stanno procedendo il più velocemente possibile in condizioni difficilissime.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.