CONDIVIDI

Il guanto in questione è uno strumento di comunicazione che potrebbe rivoluzionare il mondo dei sordomuti e/o degli udenti che non conoscono però il linguaggio dei segni (LIS). L’invenzione di cui stiamo parlando è opera di due adolescenti: Mateo Ibro e Antonio Falsetti, studenti dell’Isis Facchinetti di Castellanza (Varese), che hanno rispettivamente 16 e 17 anni.

Guanto Good Morning

Si tratta di un guanto che è in grado di tradurre il LIS in una vera e propria voce. Si, avete letto bene. Esso è stato lanciato in occasione di un progetto di educazione digitale di Microsoft.

Il guanto rivoluzionario è chiamato Good morning , e, attraverso alcuni sensori collegati ad un’applicazione sullo smartphone, è in grado di tradurre il linguaggio dei segni in una voce.

Come ha spiegato Antonio Falsetti: su anelli che si infilano sulle dita sono stati montati dei sensori di flessioni. Questi sono collegati ad una scheda Arduino, piattaforma ideata per la prototipazione, che è a sua volta collegata ad un altoparlante.

I due ragazzi hanno spiegato come funziona: La persona sordomuta indossa il guanto Good Morning e da subito comunica con i gesti tipici della lingua dei segni. I sensori posizionati sul dispositivo sono in grado di tradurre i suoi movimenti in bit e una app aiuta ad associare quanto la persona ha comunicato con i gesti alle diverse parole. Così mentre la persona sordomuta parla con la lingua dei segni, una voce sintetica traduce simultaneamente quanto vuole dire.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.