Gerardo Pulli, vincitore di Amici 11, ha rilasciato un’intervista a Vero Tv dove ha parlato della sua partecipazione al talent show di Maria De Filippi e di un sogno chiamato Sanremo.

Al primo posto mette la passione per la musica non la popolarità “Oggi è facile diventare famosi. Viviamo in un mondo in cui lo è persino il protagonista di un episodio di cronaca nera. Nella mia scala di valori, però, conta più la passione per la musica della popolarità. Anche perché partecipare al talent di Maria De Filippi non regala automaticamente il successo.”

L’ha sottolineato più volte quando si trovava nella scuola di canale 5: lui era lì solo per far ascoltare al pubblico le sue canzoni, era questo il suo obbiettivo principale “Scrivendo canzoni, esprimo quello che non riesco a dire di persona. Non sono mai stato un gran chiacchierone, ho un carattere chiuso.”  

Prima della partecipazione ad Amici, disprezzava la tv “Ero uno stupido. Mi comportavo come un bambino di cinque anni che non vuole mangiare le verdure perché gli hanno detto che non sono buone. Avendo vissuto come protagonista questa esperienza, oggi sono convinto che la Tv rappresenti la realtà. Che può trasmettere messaggi importanti. Ad esempio, Amici insegna che l’impegno paga. Ma alcune persone, mosse dai pregiudizi, criticano la trasmissione e chi vi partecipa. Però io sono solo un ragazzo come tanti che vuole fare musica e mi fa male venire giudicato e etichettato per ciò che non sono, come dire che un ragazzo è gay anche se non lo è. Si tratta solo di convinzioni errate.”

Per alcuni ha vinto solo per il suo “personaggio”, non per la bravura “Reputo superficiali le persone che esprimono questi giudizi.”

Su Sanremo non ha dubbi, parteciperebbe sicuramente. Riuscirà a coronare questo sogno?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.