CONDIVIDI

Gabriele Defilippi e l’omicidio di Gloria Rosboch

In questi giorni la cronaca nera nostrana è incentrata sulla figura di Gabriele Defilippi, il 22enne accusato dell’omicidio della professoressa Gloria Rosboch, scomparsa il 13 gennaio e ritrovata, senza vita, in una cisterna a Rivara, nel Canavese. Per l’omicidio sono finiti in carcere anche Roberto Obert, l’amante 56enne di Gabriele e Caterina Abbatista, la madre del ragazzo.

“Il ragazzo dai mille volti”, così viene definito Deflippi. Decine di profili social, da Facebook a Linkedin, da SoundCloud a Speaker, in ognuno una foto diversa e un nome diverso: Gabriel Alexander Accardi, Gabriele Accardi, Gabriel Anderson, Gabriele Anderson Kennedy, Gabo Anderson, Gabrielto Gabriel e tanti altri gli pseudonimi.

Gli ex compagni di scuola raccontano che a volte si presentava a scuola come uno dei componenti della band tedesca “Tokyo Hotel”. Occhi truccati, unghie finte, capelli tinti. In narcisismo di questo ragazzo è più che evidente. Difficile, anche per gli inquirenti, definirne la personalità.

Il suo unico sogno nel cassetto era svoltare, ed era disposto a farlo a qualunque costo. Per raggiungere il suo obiettivo adescava le donne, sopratutto su facebook, le seduceva e le ricattava per soldi, spesso utilizzando le foto scattate durante i rapporti sessuali.

L’ultima vittima di questa follia è stata Gloria Rosboch, che Defilippi continua a chiamare “Glori” durante gli interrogatori.

“Ferrando, capisca, un ragazzo di 21 anni che passa dal non avere nulla a una valigetta piena di soldi, non è facile – si rivolge così, parlando di lui in terza persona, al procuratore capo Giuseppe Ferrando -. Io sono uno che ha cercato di allargare i suoi orizzonti, guardando in maniera diversa il contesto sociale che mi circondava.”

Defilippi ha fornito una nuova versione dei fatti. Mentre finora affermava che a strangolare la professoressa fosse stato Obert, ieri ha raccontato agli inquirenti che la Rosboch è stata gettata viva nel pozzo.

Le indagini proseguono.

gabriele defilippi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.