CONDIVIDI
furto

Un poliziotto di Giugliano, provincia di Napoli, ha subito un tentativo di furto in casa e ha sparato ferendo il ladro. Il tutto è successo ieri notte verso le 4, nella zona residenziale Parco del Lago di Via Signorelle. 

In casa erano entrate più persone

Nella casa del poliziotto di Giugliano che ha subito il furto è entrato un uomo con alcuni complici. L’agente stava dormendo assieme alla moglie e al figlio. L’uomo, quando si è accorto dell’intrusione nella sua abitazione, ha preso l’arma d’ordinanza e ha sparato contro la finestra.

Questo è successo dopo che il ladro aveva aperto il fuoco sparando contro il muro del balconcino della casa del poliziotto e della sua famiglia.

I complici sono riusciti a fuggire. Il rapinatore, colpito dal proiettile dell’arma d’ordinanza del poliziotto, è rimasto ferito ed è stato soccorso. L’uomo è stato infatti trasportato in ambulanza all’ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli. Le sue condizioni sembrano essere gravissime.

Il poliziotto ha affermato di aver risposto al fuoco per difendere la propria famiglia. Raccontando la vicenda che lo ha coinvolto, ha ricordato di essere stato messo in allarme dal cane Black che, in base a quello che ha raccontato, guaiva senza abbaiare “quasi volesse dirmi qualcosa“.

Il poliziotto ha poi detto di essersi alzato, accorgendosi che qualcosa non stava andando per il verso giusto. Ha affermato poi di aver impugnato la pistola d’ordinanza e di essersi affacciato al balcone. 

Il poliziotto giuglianese ha ricordato che, dopo essersi affacciato, ha visto un uomo con il volto coperto sul terrazzino del vicino di casa.

Ha detto di aver reagito urlandogli di essere un poliziotto e intimandogli di fermarsi. Il ladro ha però sparato e lui ha risposto al fuoco. Il poliziotto ha dichiarato che in quel momento pensava unicamente a difendere sua moglie e suo figlio.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.