CONDIVIDI

Il flato vaginale detto anche flatus vaginalis sta a indicare due diversi fenomeni:

  • la flatulenza vaginale ovvero l’emissione di aria rumorosa dalla vagina durante il rapporto sessuale;
  • la patologia chiamata fistola retto-vaginale, determinata da una soluzione di continuità tra retto e vagina per una lesione che perfora le pareti di entrambi gli organi.

Nel secondo caso, la fistola retto-vaginale fa sì che l’emissione di gas prodotti nel retto passino nella vagina. Questa patologia deriva da una complicanza rara di malattie infiammatorie croniche intestinali, di traumi ostetrici o a seguito della radioterapia o chirurgia pelvica.

Ma approfondiamo il fenomeno più comune, quello del flato vaginale durante il coito.

 

Flato vaginale durante il rapporto sessuale

Viene chiamato volgarmente pet vaginal (in francese), queef o queefing (in inglese). Il rumore provocato dall’emissione di gas dalla vagina è simile a quello generato dalla flatulenza rettale.

Durante il rapporto sessuale, l’organo maschile che penetra quello femminile , comprime aria nella vagina, aria che si espande quando il pene fuoriesce e che, appunto, provoca flatulenza vaginale.

Non si tratta di un disturbo patologico ma… una donna il disturbo (e l’imbarazzo) lo prova eccome.

Può dipendere dalla forma della vagina, del membro maschile oppure dalla posizione assunta durante l’attività sessuale.

Ci sono donne che, per la particolare conformazione della loro vagina, sono capaci anche di indurre questo fenomeno in modo autonomo contraendo il muscolo per poi contenere e rilasciare l’aria.

 

Rimedi del flato vaginale comune

Per rimediare al flato vaginale durante il rapporto sessuale, si ricorre agli esercizi di Kegel che aumentano il tono del cosiddetto pavimento pelvico per evitare la penetrazione di aria.

Come si eseguono?

Attraverso tecniche di contrazioni e rilassamenti ripetuti dei muscoli, soprattutto di quelli pubococcigei.

Funzionano?

Chiedetelo a quelle donne che hanno testimoniato l’efficacia di questi esercizi e che soffrivano di prolasso rettale ed incontinenza urinaria.

 

Rimedi del flato vaginale da fistola retto-vaginale

Diverso è il trattamento della fistola retto-vaginale che causa il flato vaginale.

Il trattamento medico mira ad una diminuzione del transito fecale finché l’infiammazione non si risolve e fino alla totale cicatrizzazione della fistola.

In certi casi, la fistola è causata dall’escissione di una ghiandola del Bartolini infiammata.

Se questo trattamento non bastasse, si ricorre ad un secondo intervento di colostomia provvisoria.

 

Consigli utili

Per medici come la dottoressa Susan Block, il queefing o flato vaginale non è né un fenomeno negativo né qualcosa di cui doversi vergognare.

E’ piuttosto un segnale di estrema eccitazione, una forma di perdita di controllo, un completo lasciarsi andare.

Chi vuole evitarlo dovrebbe adottare posizioni come quella del missionario, della cowgirl (la donna sopra l’uomo) o del cucchiaio (penetrazione di lato) rinunciando alla pecorina.

Può funzionare anche l’uso di creme lubrificanti.

 

Farting: la flatulenza vaginale che eccita

Al contrario di chi prova imbarazzo, c’è chi si eccita nel lasciarsi andare a flatulenze vaginali durante il rapporto intimo.

Ebbene sì, esistono persone che vengono sessualmente stimolate da quei rumori e dagli odori prodotti dal flato vaginale.

C’è chi la definisce una perversione, il fenomeno si chiama farting a cui è stata dedicata anche una speciale categoria hard.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.