CONDIVIDI

Fiorella Donati e la sua “arte”

Fiorella Donati è un chirurgo estetico con una grande passione per la pittura e la scultura “Volevo essere un’artista. Dopo il liceo e uno scudetto nella squadra di pallavolo di Bari, ho studiato medicina e sono diventata un chirurgo innamorato dell’arte”, ha rivelato nel corso di un’intervista a IoDonna.

Si è formata frequentando alcuni dei migliori centri di chirurgia plastica ed estetica del mondo: l’University College Hospital, Mount Vernon Hospital di Londra; Manhattan Eye, Ear and Throat Hospital a New York; Baker, Gordon & Stuzin Clinic a Miami; Clinica Planas a Barcellona; Padilla Clinic a Santa Barbara.

Continua costantemente ad aggiornarsi sulle nuove tecniche grazie alle sue frequentazioni a New York, Miami, Los Angeles e Londra.

Ha creato una clinica all’avanguardia per interventi estetici, la “Clinica Donati”, situata nel cuore di Milano, di cui è il primario. La Clinica è un centro di eccellenza della chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica, dotata delle apparecchiature più innovative. Tutte le stanze di ricovero sono attrezzate con sistemi di monitoraggio completo e ogni paziente può far affidamento a una nurse, in modo tale che l’intervento si trasformi in un momento di piacere e relax.

Il suo amore per l’arte è ben visibile nel modo in cui è arredata la clinica: opere d’arte di maestri contemporanei italiani (Lucio Fontana, Agostino Bonalumi, Salvatore Garau, Roberto Matta) e internazionali (Uri Gest, Francisco Orozco), e il meglio del design italiano e della nostra tradizione artigianale. Non solo, la biancheria è stata disegnata e realizzata appositamente da Pratesi.

Fiorella Donati effettua tutti gli interventi di chirurgia plastica, ma ha un particolare interesse per quelli al viso, soprattutto il ringiovanimento, trattamento che lei ottiene attraverso il Contour Lift.

Questo tipo di ricostruzione, spiega la dottoressa Donati, consiste nell’uso coordinato di tre gruppi di sostanze “Il risultato è un viso non plastico o costruito, ma naturalmente morbido in superficie e sostenuto in profondità. Le labbra vengono tonificate, ma il loro volume rimane inalterato.”

Il suo lavoro l’ha inevitabilmente portata davanti a richieste assurde, ma per lei il rispetto del paziente viene prima di tutto “Il mio lavoro è un po’ come una maieutica socratica: tirare fuori da ogni paziente la bellezza che è propria di quella persona, massimizzando tutte le sue potenzialità e non trasformandola in un’altra persona.”

Ha detto di no a chi voleva modificare il suo naso perché non gli piaceva ma in realtà non ne aveva bisogno, o a chi chiedeva un seno eccessivamente prosperoso, perché sapeva che col passare dell’età si sarebbe pentita di questa scelta “Devi sempre amare il paziente e non spingerlo verso l’intervento a tutti i costi, prospettargli i pro e i contro, spiegare se ci sono o meno complicanze a lunga o a breve distanza.”

Ha portato la sua esperienza e la sua “arte” anche in tv con “Bella più di prima”, programma di La5 dedicato alle donne che per svariati motivi seri sentono la necessità di un rinnovamento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.