Per molti era tra i possibili vincitori della 63esima edizione del Festival di Sanremo, la sua splendida voce aveva conquistato tutti coloro che hanno seguito X Factor 6, Chiara Galiazzo non è però riuscita a convincere la critica neanche dopo l’esibizione di ieri.

Forse il passaggio dal palco di X Factor a quello dell’Ariston è stato una decisione troppo azzardata, forse avrebbe avuto bisogno di almeno un anno per acquisire più sicurezza e consapevolezza della sua bravura, c’è chi, però, dà la “colpa” alle canzoni portate al Festival: troppo scialbe, poco incisive e non in grado di esaltare la sua voce.

I voti espressi da alcuni giornalisti e critici di musica solo in alcuni casi raggiungono la sufficienza. “Peccato, la ragazza di X Factor non gioca bene la partita del Festival, la sua interpretazione è scialba, eppure il pezzo non è male” ha scritto Marco Molendini su Il Messaggero, dandole un 5.

Mezzo punto in più da parte di Gianni Poglio (Panorama.it) che definisce il tango Il futuro che sarà poco incisivo e incapace di emozionare fino in fondo “Brano piacevole e delicato, ma nulla di più.”

Basso anche il voto di Federico Vacalebre che sulle pagine de Il Mattino parla di “voce alla ricerca di consapevolezza”, per lei solo un 4,5.

Per Danila Satragno, invece, Chiara si merita la sufficienza, definisce la sua voce “matura”, non usata però come una vera interprete ma solo come un’allieva di canto, seppur bravissima. Brano nelle sue corde ma performance frenate, poteva lasciarsi andare un po’ di più.

Il pubblico da casa ha però dimostrato il suo apprezzamento per la cantante, la classifica stilata ieri al termine delle esibizioni dei Big ha visto Chiara piazzarsi la quarto  posto. Il televoto della terza serata peserà per il 25% sulla votazione totale, a cui si aggiungeranno un altro 25% del televoto di sabato e il 50% del voto della giuria. Mancano ancora due serate alla fine della kermesse canora, Chiara riuscirà a guadagnarsi almeno un posto sul podio?

Oggi assisteremo a una puntata dedicata alla storia del Festival, “Sanremo story”, Chiara canterà “Almeno tu nell’universo”, il celebre brano portato al successo di Mia Martini.

chiara-galiazzo_650x447

6 COMMENTI

  1. sono d'accordo , la canzone non mette assolutamente in risalto la potenzialità della sua voce.chi ha avuto modo di seguirla precedentemente conosce la voce celestiale , delicata ma incisiva di questa cantante.chi le ha prodotto il testo e la base non ha tenuto conto della sua estensione vocale e la costringe ad una tonalità che non le appartiene.per il resto se si considerano questa serie di lati negativi e la performance più che eccellente , questo fa di chiara galiazzo un' artista a tutti gli effetti.

  2. ma gente. avete idea che per arrivare a collaborare con bjork e altre che avete citato qualche passo prima deve essere fatto? un minimo di carriera? ed è quasi mission impossible anche se hai già un nome e una carriera avviata. secondo voi, sony telefona a bjork o florence o adele e dice, fatele una canzone? state sulla terra. anche fossero contattabili… se quelle artiste hanno una canzone che spacca se la cantano loro.

    intanto lei nel cd interpreta: zampaglione, bianconi, neffa, dente, samuel dei subsonica ecc. mica pinco e pallo. son tra I migliori del panorama italiano. compratevi e ascoltate il cd che ne vale la pena, lasciate perdere I castelli in aria, le vette si raggiungono partendo dalla base. e fregatevene se non vince sanremo. o se l'altra era migliore. non è importante.

    p.s. per gli inglesofili compulsivi. sentitevi il cd, non ascoltando le parole, non capendo il senso. come fosse inglese. magari vi piacerà di più.

  3. l'album e`raffinato , perfetto, forse la meno bella , quella che non valorizza la sua voce e` proprio quella de Festival "Il futura che sara`".

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.