CONDIVIDI

La lotta all’evasione fiscale ha dato buoni risultati e i dati del 2016 dell’Agenzia delle Entrate vedono il fisco vittorioso in 7 controversie su 10.

Nuovo primato nella lotta all’evasione fiscale

I dati pubblicati rivelano un nuovo primato nella lotta all’evasione fiscale dato che, solo nel 2016, sono stati incassati 19 miliardi di euro. 

Si tratta della cifra più alta degli ultimi tempi che ha permesso anche di superare il record stabilito sempre negli ultimi anni.

Secondo l’Agenzia delle entrate questi risultati positivi sono da attribuire all’attività di controllo e informativa. 

Buon risultato grazie ai versamenti spontanei

Circa 222mila contribuenti hanno dichiarato spontaneamente i propri redditi, rimediando così ad errori commessi senza incorrere in accertamenti veri e propri.

Boom per le dichiarazioni precompilate

Nell’anno preso in considerazione è salito anche il numero delle dichiarazioni precompilate. Sono state circa 2 milioni le autocertificazioni inviate on-line senza rivolgersi al Caf o ad altri intermediari.

Rispetto all’anno precedente, infatti, la dichiarazione precompilata ha fatto registrare un incremento del 50 per cento e il numero delle dichiarazioni gestite in modo autonomo e inviate on-line sembra destinato ad aumentare.

L’utilizzo di internet, infatti, è senza dubbio utile per snellire pratiche burocratiche piuttosto lunghe.

In calo i ricorsi tributari

Se da un lato aumentano le dichiarazioni precompilate in autonomia, dall’altro diminuiscono le controversie tributarie.

il numero dei ricorsi in materia si è ridotto del 20% e le controversie instaurate si sono concluse con un risultato positivo per il fisco 7 volte su 10.

Positiva anche la riscossione del canone tramite addebito in bolletta. In questo modo sono stati incassati 2,1 miliardi con un extragettito di 500 milioni rispetto agli anni precedenti. In molti, infatti, lo hanno pagato in questo modo per la prima volta.

Questi dati sono stati presentati da Rossella Orlandi, direttore dell’Agenzia delle Entrate durante una conferenza stampa presso il Ministero dell’Economia a cui ha preso parte anche il ministro Padoan.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.