gare du nord

Una maxi operazione di polizia, andata in scena all’indomani del voto che ha portato Macron alla guida dell’Eliseo, ha coinvolto la stazione Gare du Nord di Parigi, il più grande scalo ferroviario della capitale francese.

La stazione evacuata attorno alle 23.00 di ieri sera

La stazione ferroviaria di Parigi Gare du Nord è stata completamente evacuata attorno alle 23.00 di ieri sera. Il motivo? La ricerca di tre “individui pericolosi” già noti alle forze di polizia fancesi.

Nello specifico è stato perquisito da cima a fondo un treno proveniente da Valenciennes, una città situata nel nord est della Francia. Il convoglio era giunto alla stazione di Parigi attorno alle 23.10 e un controllore aveva segnalato la presenza di alcuni individui sospetti a bordo.

L’identikit dei tre uomini ricercati era nelle mani delle forze di polizia francese già da venerdì, in seguito alla segnalazione da parte di un “Paese partner”.

Gli ultimi giorni sono stati convulsi dal punto di vista tecnico. I tre sospetti sono stati infatti segnalati in diversi contesti, da Bordeaux a Parigi, facendo ogni volta scattare l’allarme invano.

Ieri attorno a mezzanotte sono arrivati alla stazione di Parigi i mezzi delle forze speciali. Già verso le 23.00, diversi viaggiatori avevano fatto sapere sui social di essere rimasti bloccati sui treni che erano in procinto di entrare nel complesso del pià grande scalo ferroviario parigino.

Diverse foto, diffuse su Twitter, mostrano gli agenti spiegati nella hall centrale della stazione parigina mentre invitano i viaggiatori ad abbandonare la zona. Questo fatto è l’ennesimo momento di paura in Francia. Il Paese vive infatti in stato di emergenza da quando sono stati compiuti gli attentati terroristici di novembre 2015, che hanno colpito, tra gli altri, i frequentatori del Bataclan.

Le misure speciali appena ricordate dureranno fino alle elezioni politiche, che sono previste per il mese di giugno.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.