Il canale televisivo Channel 4 in collaborazione con Discovery Channel e alcuni utenti di facebook hanno dato vita a un esperimento davvero curioso. L’obbiettivo del particolare test era quello di scoprire quante possibilità di sopravvivenza si hanno in seguito allo schianto al suolo dell’aereo sul quale si sta viaggiando. È stato possibile osservare le conseguenze sui vari passeggeri a seconda di dove questi erano seduti all’interno del velivolo.

Per mettere a punto l’esperimento ci sono voluti ben quattro anni. Gli organizzatori hanno preso un Boeing 727 e hanno chiesto agli utenti del social network di scegliere il loro posto a bordo. La domanda principale era questa: avendo scelto quel posto, cosa ti succederà se l’aereo dovesse precipitare?

Il Boeing, occupato da manichini e guidato da un pilota (in carne e ossa) che si è lanciato col paracadute poco prima dell’impatto, è stato fatto precipitare nel deserto messicano. Al contatto con il suolo, l’aereo si è spezzato in due.

Quali sono state le conseguenze sui passeggeri? Ad avere la peggio sono stati quelli della prima classe e della classe business, cioè coloro che si trovavano nella parte anteriore dell’aereo, i quali sono morti quasi tutti. Gli altri, bene o male, sono riusciti a cavarsela.

Un esperimento simile era stato condotto nel 1984 dalla Nasa, quando un Boeing 720 fu mandato a schiantarsi nel deserto del Mojave (Stati Uniti).

7 COMMENTI

  1. ovviamente dipende da come l'aereo impatta al suolo: in questo caso ha impattato fortemente la parte anteriore, ma in altri casi reali l'aereo ha sbattuto violentemente nella zona della coda. E come dicono altri utenti, il carburante è nelle ali, quindi se prende fuoco la parte centrale è pericolosissima. Questi ragionamenti sono stati spiegati durante il documentario, perché non sono minimamente menzionati qui?

    • Da quello che mi dicevano, la zona delle ali è strutturalmente più resistente e più difficilmente dovrebbe spezzarsi…poi booooh

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.