Endometriosi nei LEA

Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha annunciato che l’endometriosi sarà inserita nei LEA, i livelli essenziali di assistenza, prestazioni che il SSN è tenuto a fornire pagando solo il ticket.

Stando alle parole del ministro, le donne affette da endometriosi di terzo e quarto grado (quelli più gravi) potranno chiedere l’esenzione alle Asl e non pagare le prestazioni specialistiche, come visita ginecologica ed ecografia, alle quali le pazienti devono sottoporsi ogni sei mesi. In Italia sono tre milioni le donne colpite da questa malattia.

“La cura dell’endometriosi sarà nei Lea. Sono molto felice di poter dire che l’impegno che avevamo preso un anno fa con tutte le donne è stato mantenuto e che la promessa fatta è diventata realtà. Con la conclusione dell’iter di aggiornamento dei nuovi Lea, questa patologia rientrerà infatti nell’elenco delle malattie croniche invalidanti che danno diritto all’esenzione”, ha scritto la ministra sulla sua pagina Facebook.

La Lorenzin aveva annunciato lo scorso giugno il suo impegno in questo senso, con l’obiettivo di aumentare la conoscenza di questa patologia incurabile e invalidante, offrendo una maggiore assistenza alle donne colpite, che fino ad oggi si sono sentite dei malati di serie b. Le cure non a pagamento, infatti, abbracciano molte patologie croniche, come asma, diabete, insufficienza respiratoria, mentre l’endometriosi è sempre stata in secondo piano.

“Un codice di esenzione, un certificato per assenza dal lavoro non si può fare per endometriosi. Chiediamo che venga riconosciuta come malattia e che i nuovi Lea vengano definitivamente approvati. Dobbiamo pagarci tutti i farmaci e gli esami”, ha sottolineato la presidente dell’associazione Ape (associazione progetto endometriosi).

Le donne costrette a convivere con questa malattia chiedono da anni un intervento per modificare lo stato delle cose, ora, forse, le loro preghiere sono state finalmente ascoltate.

lorenzin endometriosi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.