Gert Johan Coetzee

Dal 22 al 25 agosto si è tenuta la Durban Fashion Fair, una settimana di pura moda nella quale hanno visto susseguirsi interessanti sfilate in salsa sudafricana. La DFF, che insieme al tour di Johannesburg ha portato alla ribalta il clou della moda sudafricana, ha rilanciato nel mondo la creatività di una Nazione sempre più occidentalizzata.

Nato 2 anni fa su iniziativa del municipio di Durban e del capoprogetto Sindi Shangase, quello del Fashion Fair è ormai divenuto un appuntamento fisso a cui è impossibile mancare.

Ebbene, nell’edizione 2013 della DFF hanno visto susseguirsi numerose sfilate, tanti capi d’abbigliamento e una fitta serie di marchi. La stessa Italia, per voce del brand Diego M, ha trovato ospitalità in Sudafrica: è grazie a questa occasione che il marchio italiano ha potuto presentare al grande pubblico la sua proposta primavera estate 2013!

In effetti la DFF è ormai nota per via della sua forte influenza italiana. Non dimentichiamo infatti che dal Sudafrica vengono prelevati i migliori designer della moda, successivamente destinati a Milano per fargli conoscere la concezione italiana dello stile.

E come se non bastasse, con la DFF vi partecipano la personalità di Maurizio Campos, supervisore del programma internazionale della DFF, a cui seguono le competenze di Valentina Parrotta e Andrea Garello Cantoni di Cape Best.

Ma nella Durban Fashion Fair si sono materializzate anche le sfilate di altri noti marchi della moda: Carducci, Gert Johan Coetzee, Karen Monk, Colleen Eitzen, Dax Martin, Francois Vedemme, Fundudzi, Gavin Rajah, Klijnstra, Kathrin Kidger, Leigh Schubert, Palse Homme, Kwame Jazz Couture, Mina Evans, Ruff Tung, Viyella, Zarth, Thula Sindi e Terrence Bray.

Insomma, il programma della DFF 2013 è stato redatto in maniera minuziosa, così come accurata è stata la scelta della location e degli ospiti giunti sul luogo.

D’altronde l’evento sudafricano ha da sempre voluto proporre al mondo intero la creatività di stilisti pronti a confrontarsi con mercati di qualsiasi scala ed esigenza, ha inteso sviluppare le competenze tecniche dei creatori che si celano dietro ad abiti assolutamente all’avanguardia, nonché voluto offrire una possibilità agli stilisti emergenti di farsi conoscere dal grande pubblico.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.