CONDIVIDI

Una vasta operazione della polizia antidroga ha portato all’arresto di 16 persone a Palermo. La squadra mobile guidata da Rodolfo Ruperti, è già attiva dalle prime luci dell’alba di oggi, mercoledì 22 febbraio.

L’indagine della Polizia di Stato, avviata nel 2012, ha portato alla luce due distinti gruppi criminali che distribuivano importanti quantitativi di droga a persone insospettabili. 

Il giro di affari, infatti, proveniva dalla “Palermo bene” con consegne a domicilio e a tutte le ore. Tra i clienti anche alcuni, vip, avvocati, dirigenti e parecchie donne.

Il blitz incastra vip e istituzioni

Gli acquirenti, infatti, erano tutti provenienti principalmente dalla Calabria e dalla Campania ed erano principalmente consumatori insospettabili e liberi professionisti.

Dalle indagini è emerso anche che alcune richieste sarebbero partite da un telefono intestato alla Corte dei Conti e altre da un apparecchio della Regione Sicilia

Primo gruppo operativo in Campania

Dei due gruppi criminali il primo avrebbe preso contati con la regione Campania e all’interno di esso avrebbero operato esponenti mafiosi riconducibili allo storico gruppo mafioso “Porta Nuova”. Questo gruppo, secondo gli investigatori, sarebbe la prova concreta di come Cosa Nostra palermitana, grazie allo spaccio di droga, sia ancora legata in termini di affari con la camorra napoletana.

Secondo gruppo operativo in Calabria

Il secondo gruppo criminale, invece, sembra invece originata dal sequestro di una notevole somma di denaro. I fatti risalirebbero al 2014 e le indagini avrebbero fatto emergere un’altra fiorente via della droga collegata alla malavita della regione Calabria. Anche queste indagini hanno portato alla luce ingenti quantitativi di cocaina prontamente sequestrati. 

L’attività investigativa della Polizia di Stato ha portato all’arresto di alcuni corrieri della droga, alcuni dei quali sono stati sorpresi con un carico di oltre 70 chili di hashish, 7,5 di cocaina, 14 chili di marijuana, 1,5 chili di eroina e somme di denaro pari a circa 100 milioni di euro in contanti. 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.