facebook

Tragedia a Padova nella giornata di ieri. Un giovane di 31 anni ha infatti perso la vita mentre si trovava alla guida della sua vettura e, nel contempo, era in diretta su Facebook.

L’auto è finita contro un palo della luce

Yassine Harchi, 31enne di origine marocchina, ha perso la vita ieri mattina attorno alle 8. Il giovane, a bordo della sua Alfa, stava guidando sulle strade della provincia di Padova con attiva una diretta su Facebook.

Nel video, postato poco dopo le 7.30, si vede lo sventurato ragazzo sorridere, fare smorfie e agitare le mani tra lo schermo dello smartphone e il volante dell’Alfa 147.

Per alcuni secondi si vede pure la strada davanti a lui che, secondo alcuni, potrebbe essere la A13 Padova – Bologna. Nel video in diretta su Facebook che gli è costato la vita, il giovane marocchino ha inquadrato pure il contachilometri e il cruscotto della macchina.

L’ultima immagine del filmato, che rimanda a un effetto di accartocciamento, mostra il ragazzo che chiude il telefono. Lo schianto mortale è avvenuto pochi minuti dopo.

Secondo le ricostruzioni, Yassine avrebbe perso il controllo del mezzo sulla strada di San Pietro Viminario. La macchina avrebbe così colpito un pilone della luce accartocciandosi su se stessa. L’epilogo, purtroppo, è dei peggiori.

Il giovane è morto, che gestiva una piccola impresa di pulizie e viveva con la famiglia, è morto sul luogo dell’incidente. 

Nell’abitacolo dell’auto non è stato trovato lo smartphone. Il device potrebbe essere finito nel fossato ai lati della carreggiata dove è avvenuta la tragedia durante le operazioni di recupero del mezzo.

Questa storia terribile è l’ennesima che dimostra quanto il cellulare sia una delle principali cause di distrazione alla guida. Purtroppo, nell’ultimo anno, è aumentato il numero delle persone decedute per questo motivo.

I dati della Polizia Stradale parlano infatti di 940 morti nel 2016 e di 979 in questo 2017 non ancora finito.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.