CONDIVIDI

MANGIARE BENE? SI, MA COME?!

La maggior parte delle persone affermano di mangiar bene, sano e biologico, di non esagerare a tavola con le quantità e di muoversi tanto, ma a casa.

Queste versioni così “perfette” dell’alimentazione altro non sono che il frutto della confusione generata dalle diverse diete presenti sul mercato, che parlano di mangiare “poco, ma tutto”, di scegliere la stevia piuttosto che lo zucchero comune, e di tante altre cose false che non sto ad elencare.

La dieta, che significa “stile di vita”, deve essere normocalorica, ognuno di noi deve mangiare in base alla propria fame naturale, scegliendo cibi semplici come facevano i nostri avi. Per avvertire la fame naturale, innanzitutto, bisogna eliminare gli zuccheri, gli edulcoranti (quindi la stevia) e le farine raffinate, in modo da mantenere la calma insulinica, prediligendo farine integrali al 100 %; inoltre, la fame naturale non fa fede al conteggio di chilocalorie, quindi, la bilancia pesa alimenti non ci serve più, bisogna cambiare paradigma!

COS’E’ LA DIETA GIFT?

La dieta che propongono spesso i nutrizionisti è la dieta GIFT, costituita da poche e semplici regole, che però permettono alla persona che la segue, di sentirsi meglio anche dopo solo pochi giorni. Non è una dieta restrittiva, prevede l’assunzione di tre pasti al giorno le cui quantità sono stabilite dal nostro orologio biologico: colazione abbondante, momento chiave della giornata in cui abbiamo bisogno di energia per affrontare il nuovo giorno e per avvisare l’ipotalamo (la nostra centralina) che stiamo bene e che può attivare tutti gli assi metabolici; pranzo intermedio e cena leggera, poiché se la sera andiamo subito a letto a cosa ci servirà tanta energia?

Ogni pasto è composto da carboidrati integrali, proteine buone e fibra, che non per forza dovranno essere “bio”: anche il cibo biologico può ingannarci, infatti, per ogni alimento scelto al supermercato si dovrà guardare l’etichetta e leggere gli ingredienti, che dovranno essere pochi e comprensibili.

Inoltre, chi dice che si muove abbastanza facendo le pulizie di casa o badando ai figli irrequieti, in realtà cerca delle giustificazioni per non muoversi; bisogna essere motivati, fissare un obiettivo raggiungibile e crederci veramente.

L’uomo è nato per muoversi e per farlo costantemente, si sente meglio quando lo fa e, soprattutto, quando mette le scarpette da ginnastica ed esce di casa dimenticando i pensieri e le cose da fare: solo così il movimento potrà essere efficace.

Dimentichiamoci la parola dieta per come la maggior parte la intende, chiamiamola stile di vita!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.