Diana Del Bufalo: se avete dei salari minimi è solo colpa vostra

Diana Del Bufalo è entrata nel mirino di una polemica sul web.

L’attrice infatti, aveva pubblicato una serie di stories su Instagram, in cui mostrava la sua cena al ristorante con la madre. In risposta, degli haters l’hanno aspramente criticata, dicendole che non ha alcun tipo di problema economico e che dovrebbe vergognarsi.

Dinanzi a tutto ciò, Diana si è infuriata e ha scritto pubblicamente così:

“Sapete solo lamentarvi dei vostri salari minimi. Voi non sapete niente della mia vita. Non sapete se faccio beneficenza o se non la faccio. Inoltre, non sapete se sono altruista o se sono una stronza egoista. Non sapete niente! La beneficenza si fa in silenzio? Ah sì?

Però quando la si mostra rompete il caz*o e viceversa! Basta, avete stufato di sparare a zero su chi non conoscete. Siete dei giudiconi nullafacenti. Voi che fate per il prossimo?”

La replica degli haters

Ma non finisce qui. Infatti, alcuni haters hanno replicato rincarando la dose.

Addirittura c’è chi sostiene che l’attrice sia non curante della situazione difficile che si sta vivendo nel nostro Paese.  

Così, Diana Del Bufalo decide di pubblicare ulteriori stories di sfogo, in cui ha aggiunto:

“Le persone in questione si crogiolano nella loro mediocrità perché hanno la convinzione che il loro livello sia proprio quello lì. Invece di rimboccarsi le maniche per rendere la loro vita migliore, preferiscono lamentarsi del loro salario minimo, della loro vita noiosa criticano una persona che si è fatta la sua fortuna da sola perché li fa sentire meglio. Beh, che vi devo dire? State sbagliando TUTTO. Addio”.

Se da una parte gli haters hanno esagerato, dall’altra si nota una Diana molto giù di morale e diversa dal solito, sarà successo altro? A tal proposito, sono nati i primi sospetti su una crisi con il suo attuale compagno…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.