CONDIVIDI

Caratteristiche del degradè

Esistono diverse tecniche per schiarire i capelli, come il famosissimo shatush, il balayage e gli ormai superati colpi di sole e mèches. Ma se volete ottenere un effetto assolutamente naturale, il degradè è la procedura che fa al caso vostro!

In commercio esiste i kit per realizzarlo in casa, come quello distribuito da L’Oréal Paris, ma, onde evitare danni, sarebbe meglio affidarsi alle mani esperte del vostro parrucchiere di fiducia. In questo modo avrete la certezza di ottenere veramente l’effetto desiderato, senza correre il rischio di non potere uscire di casa a causa del terribile risultato.

Il degradè, grazie al particolare procedimento di realizzazione, consente di avere una schiaritura estremamente naturale ed elegante, evitando quell’enorme distacco dal colore di base che sono solite provocare le mèches. L’effetto risulta più naturale anche dello shatush, che può schiarire i vostri capelli da uno a tre toni.

Ma le differenze con le altre tecniche di schiaritura non riguardano solo la naturalezza: il degradè ha anche una maggiore durata. Può infatti resistere fino a sei mesi e non necessita di ripetuti ritocchi, come capita invece per le mèches e lo shatush.

Non solo, questa tecnica risulta essere anche molto meno aggressiva sul capello. Essendo effettuata in verticale piuttosto che in orizzontale, evita di rovinare la struttura del capello. La colorazione in orizzontale, infatti, apre le squame del capello impoverendolo e privandolo del naturale pigmento.

Inoltre, la sua composizione priva di ammoniaca e ricca di riflessante dona un colore brillante e lucido, senza aggredire chimicamente il capello ed evitando che i lavaggi e l’azione del sole abbiano su di lui un effetto opacizzante e sbiadente.

Il degradè può essere effettuato solo sulle punte o anche sulle radici. In ogni caso non ci sarà l’odioso effetto ricrescita! La presenza di 12 tipi di degradè, a ossidazione oppure tono su tono, consente di ottenere un colore che si avvicini il più possibile a quello naturale.

Il procedimento è piuttosto lungo, ma il risultato finale vi ripagherà dell’attesa! I costi variano da parrucchiere a parrucchiere, ma solitamente si aggirano tra i 50 e i 90 euro.

Degradé Joelle

Tantissime donne desiderano schiarire i propri capelli in maniera naturali, magari ottenendo quell’effetto naturale che solitamente si ha d’estate, dopo aver trascorso diverse giornate al mare.

Riuscire a sfoggiare dei capelli perfettamente naturali non è di certo semplice ma nemmeno impossibile. Infatti, basta recarsi da un parrucchiere esperto nella tecnica del Degradé Joelle, per dare alla chioma un tocco magico, quasi del tutto impercettibile.

Il segreto sta nell’applicare una sfumatura graduale, che andrà man mano a donare lucentezza ai capelli. 

Degradé: come si fa

Attraverso il degradé, è possibile effettuare ai capelli una serie di modifiche naturali, ad esempio:

  • Schiarirli
  • Tonalizzarli
  • Scurirli
  • Coprire i capelli bianchi
  • Ristrutturarli

Ma come avviene questa procedura? Scopriamo insieme le varie fasi! 

Divisione ciocche

Per prima cosa, il parrucchiere prenderà i vostri capelli ed inizierà a suddividerli in diverse ciocche. Si parte dalla parte bassa della testa (e dunque la nuca) ed applicherà delle stagnole che andranno a ricoprire le lunghezze. Tale operazione verrà effettuata man mano su tutte le ciocche, lasciando per ultime quelle situate vicino alla fronte. 

La sfumatura 

Apparentemente, vi sembrerà la stessa procedura della tinta ma in realtà, il prodotto applicato sulle ciocche non andrà a colorare del tutto, anzi: una parte di esse resta invariata, della vostra nuance naturale, mentre l’altra sarà sottoposta alla schiaritura. 

E come vi abbiamo già accennato in precedenza, essa avviene in maniera naturale. Pertanto, si andrà a creare una sfumatura che inciderà su ciocche di capelli molto sottili. Così facendo, la differenza tra quelle rimaste invariate e quelle con degradé joelle sarà davvero minima. 

Degradé: perché farlo

A questo punto ci si chiede: perché dare precedenza al degradé capelli piuttosto che ad altre tecniche, come ad esempio le classiche meches o lo shatush?

I motivi sono davvero tanti. Tramite il Degradé Joelle si ha la possibilità di trattare i capelli senza danneggiarli (cosa che invece comporterebbe la tintura a lungo andare) e crea un effetto omogeneo e naturale su tutta la chioma (a differenza dello shatush che si nota visibilmente).

Tuttavia, possiamo dire che il degradé consenta di:

Valorizzare il volto 

Offrire una specie di armonia con il viso della persona, in quanto si va a creare un mix di luci e ombre. Così facendo, chi si sottopone a tale trattamento, riesce a valorizzare alcuni tratti del viso e a bilanciare delle asimmetrie, facendo risaltare i propri pregi estetici.

Eliminare la ricrescita

Lo shatush, per quanto possa creare un effetto graduale, risulta comunque innaturale: a lungo andare infatti, le punte sembreranno eccessivamente chiare rispetto alla ricrescita, la quale è decisamente più scura.

Con il degradé, questo problema si minimizza notevolmente: le radici non vanno toccate ed allo stesso tempo ogni ciocca subisce il trattamento in maniera parziale. Vi sembrerà davvero che l’effetto sia frutto di alcuni giorni di vacanze al mare! 

È adatto a tutte

Solitamente, le tinture sono altamente sconsigliate per le donne in stato di gravidanza o di allattamento, poiché contengono una serie di sostanze tossiche che potrebbero ripercuotersi sulla salute del bambino.

Ma con il degradé joelle tale disagio non si pone: i riflessanti utilizzati nel processo di schiaritura sono quasi sempre a base di cera d’api e non contengono alcun tipo di ammoniaca.

Nutre il capello

Grazie al mix di sostanze contenute nel degradé, i vostri capelli saranno trattati ed allo stesso tempo nutriti. La vostra chioma apparirà sana e la cute non subirà alcun tipo di aggressione. 

Inoltre, la quantità di prodotto utilizzata non è affatto eccessiva (cosa che avviene invece per la tinta standard). Di conseguenza, il capello sarà meno stressato e apparirà lucente, sano e forte.

Tipi di degradé

Dopo aver scoperto nel dettaglio le varie caratteristiche del degradé, le fasi legate alla procedura, i pregi e le differenze con altre tecniche di colorazione, parliamo di tipologie. 

Infatti, il degradé non è universale: questo perché ogni tecnica varia a seconda del capello che si andrà a trattare. Di conseguenza, esiste il degradé capelli lisci e il degradé su capelli ricci.

Lisci Vs ricci 

È chiaro che nel primo caso, sarà molto più semplice fare la distinzione fra ciocche ed applicare il prodotto. 

Per quanto riguarda invece i capelli ricci, bisognerà prima districare i nodi, nutrirli con un prodotto specifico e poi passare al degradé vero e proprio. Ricordiamo che è fondamentale non stressare il capello e che tutte le donne con la chioma riccia necessitano di maggiori attenzioni.

Tonalità

Così come esiste la differenza tra capelli lisci e capelli ricci, il degradé si classifica anche dal punto di vista dei colori.

Non tutte scelgono le stesse nuance e tra l’altro bisogna sempre tenere a mente che per ottenere un effetto naturale bisogna basarsi molto sul colore di base.

Pertanto, nel momento in cui vi recherete al salone di bellezza, sarà proprio il parrucchiere a consigliarvi la tonalità che più fa per voi.

Tra le tipologie più comuni possiamo trovare: il degradé rosso, il degradé ramato, il degradé biondo, il degradé biondo miele, il degradé miele, il degradé caramello e il degradé biondo cenere.

E tanto altro ancora… 

Attualmente, il più gettonato sembrerebbe essere il degradé joelle rosso. Questo perché diverse star di Hollywood lo hanno scelto per girare alcuni film ma anche per prendere parte a cerimonie di un certo calibro (magari anche per risultare “matchy matchy” con il Red Carpet).

Per concludere

Facendo un riepilogo, possiamo dire che il degradé joelle sia un metodo innovativo per la schiaritura dei capelli.

Non si può assolutamente paragonare alla classica tintura o allo shatush, poiché ha l’obiettivo di donare al capello un effetto sfumato che possa sembrare davvero naturale. Tra l’altro, i prodotti utilizzati hanno un duplice scopo: nutrire la chioma senza danneggiare la cute ed allo stesso tempo farla apparire forte e lucente. 

L’assenza di ammoniaca, rende il degradé joelle idoneo anche per le donne in gravidanza o in fase di allattamento. 

Senza contare il fatto che si ha la possibilità di scegliere tra una vasta gamma di tipologie e di colori. Insomma, non si può chiedere di meglio! 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.