CONDIVIDI
DE RENZIS

Il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini è sempre più vicina alla firma del decreto che darà il via libera alla sperimentazione della cosiddetta scuola breve per gli istituti superiori. La fase di sperimentazione coinvolgerà cento istituti superiori, in prevalenza licei ma anche istituti tecnici e professionali, che abbrevieranno l’iter in quattro anni e non più in cinque anni. 

La notizia arriva direttamente dal giornale “Italia Oggi” senza però dimenticare i tentativi fatti in tal senso dai precedenti ministri dell’istruzione Luigi Berlinguer e Mariastella Gelmini. Questa sperimentazione però non è una novità poiché già a partire dal 2010 era stata avviata una sperimentazione che aveva riguardato undici istituti. La quota iniziale di istituti che avvieranno la sperimentazione è stata ampliata fino al numero di entro con la prospettiva poi di estenderla ad una vera e propria riforma ordinamentale per tutte le scuole superiori di secondo grado

Le scuole in cui sarà avviata la sperimentazione saranno selezionate attraverso un bando di gara ma dato che si partirà dal prossimo settembre  2017, il bando dovrà essere pronto entro la fine di dicembre per consentire alle famiglie di fornire la propria adesione al progetto e anche perché si dovranno recuperare, nell’arco di quattro anni, una media di circa 1000 ore, che riguardano il quinto anno. Attualmente infatti un liceo scientifico prevede per l’ultimo anno un ammontare di 990 ore, il liceo classico 1.023 e l’artistico 1.155.

Sembra però che il decreto non preveda il recupero di tutte le ore equivalenti al quinto anno e quindi agli esami di Stato si dovrà procedere alla verifica degli stessi apprendimenti, motivo per cui le materie non potranno subire delle riduzioni dei programmi. A questo punto è logico pensare che sarà il calendario scolastico a subire modifiche con le ore giornaliere destinate senza dubbio ad allungarsi.

Occhio di riguardo anche per l’uso delle tecnologie, dei laboratori e delle discipline in lingua straniera.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.