CONDIVIDI

Dai fondali marini  arriva un farmaco che aiuta a combattere il cancro uccidendo  le cellule maligne. 

La scoperta pubblicata sulla  celebre Cancer Cell, riguarda per ora studi su due tumori, il sarcoma e il carcinoma dell’ovaio.  La ricerca di nuove armi porta nel Mar dei Caraibi, nelle «miniere biologiche», dove la natura è ricca di principi attivi, di biofarmaci da individuare e sperimentare.  Proprio qui è  stata identificata in un mollusco marino una molecola (trabectedin) con attività antitumorali.

Approvata ora  per uso clinico in Europa, è  efficace contro il cancro dell’ovaio e i sarcomi. E’ stato dimostrato infatti che è  in grado di uccidere le cellule maligne e bloccarne la proliferazione interagendo con il loro Dna.

Lo studio è italiano, porta le firme dei ricercatori dell’Istituto Humanitas di Rozzano, coordinati da Paola Allavena, dell’Istituto Mario Negri, Maurizio D’Incalci, dell’Istituto nazionale dei tumori, Paolo Casali, Andrea Anichini, e Silvana Pilotti, dell’università degli studi di Milano. Gli studi sono stati finanziati dall’Associazione per la ricerca sul cancro (Airc).

cancro ovaio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.