CONDIVIDI

Cibi che proteggono la pelle

Nonostante da diversi anni ci rifilino la notizia che la tintarella è passata di moda, la corsa all’abbronzatura non perde terreno. La voglia di avere un colorito più scuro accompagna 9 persone su 10 durante la stagione estiva.

Ma attenzione, col sole non si scherza! È stato ormai appurato che i raggi solari possono essere altamente nocivi per la nostra salute, per questo è importante difendere la nostra pelle mettendo in atto una serie di accorgimenti. In caso contrario si sarà più soggetti a scottature, eritemi, con conseguente comparsa di rughe e altri segni dell’invecchiamento cutaneo, fino ad alterazioni precancerose.

Quando si parla di protezione della pelle contro gli effetti nocivi del sole, il pensiero va direttamente alle creme solari – fondamentali, così come la buona abitudine di non esporsi al sole durante le ore più calde della giornata – ma la difesa può venire anche dall’interno. Alcuni cibi, infatti, attivano una sorta di schermo difensivo, proteggendoci dall’interno contro lo stress ossidativo dovuto all’esposizione ai raggi Uva e Uvb.

Tra questi alimenti, c’è la curcuma.

Grazie alle sue eccezionali qualità antiossidanti, è in grado di trasformare i radicali liberi in sostanze innocue per il nostro organismo, contribuendo così a rallentare l’invecchiamento cutaneo.

Altri cibi alleati delle pelle contro il sole sono: i pomodori, sopratutto quelli maturi, per via della maggiore presenza di licopene, sostanza considerata particolarmente preziosa contro gli effetti nocivi del sole; le carote, noto alleato dell’abbronzatura; il cacao, ricco di flavonoidi e prezioso contro gli arrossamenti; il tè verde, uno degli antiossidanti più celebri; le albicocche, ricche di vitamine A e C, carotenoidi e di flavonoidi; frutti di bosco, che forniscono una buona protezione; i peperoni rossi e gialli, caratterizzati dalla concentrazione di molecole antiossidanti.

curcuma

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.