CONDIVIDI

DoctorGoogle. Sempre più persone fanno affidamento al web per cercare notizie sulla salute. Quali sono i rischi dell’e-medicina?

Una ricerca condotta in ben dieci Paesi dal network PriceWaterhouseCoopers, al centro di un Forum organizzato dalla Federazione delle aziende sanitarie e ospedaliere italiane, rileva che il numero dei pazienti che cercano di curarsi sul web è in continua crescita.

I dati evidenziano che il 59% di questi cerca  informazioni su malattie, cure, trattamenti, attraverso internet, senza recarsi a visita da un medico e il  43% dei pazienti si rivolge al web per contattare  specialisti e istituzioni sanitarie.

Da uno studio recente condotto da Google è risultato che:  l’84% degli intervistati utilizza sia fonti online che offline per avere un’idea delle strutture, il 77% ha fatto ricorso a motori di ricerca, il 76% ha navigato sul sito web di un luogo di cura, il 52% è entrato in siti informativi dedicati alla salute. Tra tutte queste cifre solo il 49% ricorre al medico di fiducia.

Sembra dunque che la  cosiddetta e-medicina sia destinata a crescere sempre di più nella diffusione di informazioni e servizi per salute. Occorre però prestare molta attenzione. Il web è un immenso oceano in cui si possono correre gravi rischi dovuti all’enorme quantità di informazioni. I pericoli dunque sono quelli  di ricevere notizie poco chiare  e contraddittorie.

Stando ai dati  i più preoccupati dei rischi della e-medicina sono i giovani medici, il 53% , infatti, teme di perdere i propri pazienti.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.