CONDIVIDI

Come riconoscere la violenza psicologica

Quando sentiamo parlare di violenza, il nostro pensiero va automaticamente alle percosse e ai femminicidi, ma la violenza, in realtà, ha diverse sfaccettature, alcune più subdole, meno visibili, ma non per questo meno brutali e pericolose. Tra queste vi è la violenza psicologica.

Questa tipologia è spesso sottovalutata, in quanto di difficile identificazione, anche da parte da chi la subisce, ma il suo riconoscimento è di fondamentale importanza per evitare il sorgere di altre forme di violenza, prima tra tutte quella fisica, e per liberare la vittima da una condizione di stress e disagio.

Secondo dati recenti, sono circa 8 mila le donne che subiscono violenza psicologica e nel 43% dei casi è il partner a metterla in atto. Le forme più diffuse sono: l’isolamento o il tentativo di isolamento (46,7%), il controllo (40,7%), la violenza economica (30,7%), la svalorizzazione (23,8%) e le intimidazioni (7,8%).

Definire e individuare la violenza psicologica non è sempre facile, ciò dipende dal fatto che spesso tende a realizzarsi mediante graduali atteggiamenti intimidatori e oppressivi, che si insinuano nella relazione e nella mente della donna senza che lei se ne accorga. Il modo in cui questi comportamenti vengono perpetrati fa sì che la vittima li accetti, in quanto non riesce a vederne la natura violenta. Ciò finisce per ridurre la donna a un oggetto, privata del suo valore e della sua volontà.

La violenza psicologica annulla l’autostima, svilisce chi la subisce, ne limita la libertà d’azione e di pensiero, manipola e spaventa.

I comportamenti che possono essere ricondotti a questa forma di violenza sono molteplici e non sempre riconoscibili. Potrebbe trattarsi di violenza psicologica se il partner: ha costantemente un atteggiamento critico nei confronti della donna (modo di vestire, di parlare, di muoversi, di comportarsi, di pensare) e lo fa anche davanti ai figli o agli amici; le chiede di cambiare il suo aspetto fisico per compiacerlo; fa di tutto per tenerla lontana dai suoi cari, impedendole di telefonare o di vederli (isolamento); tiene sotto controllo il suo cellulare; la accusa di non essere una buona madre/moglie; le rivolge una serie di minacce: portarle via figli, ucciderla o suicidarsi se lei non farà e sarà ciò che lui vuole.

Cogliamo l’occasione per ricordarvi che domani, martedì 25 novembre, si celebrerà la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.